Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Focus »

Focus

Tessere speciali 2014: i punti essenziali della DGR n. 410/2013

Il Comune di Terni, con DGR n. 410/2013, ha regolamentato le tessere speciali per i mezzi pubblici per l'anno 2014. Persone anziane e persone con disabilità hanno tempo fino al 10 gennaio 2014 per presentare la domanda per essere assegnatari di tali tessere. Per le persone con disabilità, riconosciute con legge 104, il calcolo della riduzione del costo del biglietto verrà calcolato in base all'ISEE individuale, mentre per le altre (con disabilità, ma riconosciute non gravi) verrà calcolato l'ISEE familiare. Non godrà dell'agevolazione tariffaria chi beneficia dell'indennità di accompagnamento.
Pubblicato il 20/12/2013 - letto 1136 volte - 0 file allegati


La questione della pensione anticipata e dei permessi lavorativi

Come anticipato la settimana scorsa da un comunicato della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap), la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha bocciato un emendamento (proposto dalla Commissione Affari Sociali) che cercava di rimediare ad una disposizione della «riforma Fornero» che discrimina i lavoratori che assistono persone con disabilità e/o gli stessi lavoratori con disabilità: la disposizione, infatti, non annovera, tra i congedi ammessi a formare anzianità contributiva per la «pensione anticipata», anche quelli derivanti dai permessi e congedi lavorativi previsti dalla Legge n. 104/1992. Vediamo più nel dettaglio la questione.
Pubblicato il 8/11/2013 - letto 1296 volte - 0 file allegati


La "questione scolastica" di Terni: chi paga per l'assistenza e il trasporto scolastici?

La FISH Umbria si prepara ad agire a tutela del diritto allo studio degli studenti con disabilità e per tale ragione ha attivato il Centro EmpowerNet Umbro, per avere un quadro dell'attuale situazione dal punto di vista normativo, oltre che per sollecitare chiarimenti dalle Istituzioni, in seguito alla Delibera della Giunta Comunale di Terni n. 281 dello scorso 11 settembre, con la quale viene deliberata la cessazione del finanziamento dei servizi di assistenza scolastica e al trasporto scolastico per gli studenti e le studentesse con disabilità, che frequentano gli istituti secondari superiori.
Pubblicato il 31/10/2013 - letto 1265 volte - 0 file allegati


Indennità di accompagnamento: verso i limiti di reddito?

Tra bozze iniziali, voci di smentite e preoccupazioni, c'è il rischio che, nella prossima Legge di Stabilità (la ex legge finanziaria) per l'anno 2014, l'indennità di accompagnamento per le persone ultra-sessantacinquenni sarà legata ad un limite reddituale. Il Ministro D'Alia dice che è volto a garantire «alle fasce di reddito più basse di poter avere un servizio più ampio», la Vice Ministro Guerra nega che si sia mai pensato a vincoli di questo tipo. Nell'attesa dell'approvazione definitiva, la FISH ribadisce alcuni princìpi fondamentali in materia. Facciamo il punto.
Pubblicato il 18/10/2013 - letto 1598 volte - 0 file allegati


Decreto lavoro e «accomodamento ragionevole»: opportunità e dubbi

La recente Legge n. 99/2013 introduce l'«accomodamento ragionevole» (Convenzione dell'ONU) come criterio che il datore di lavoro deve avere per ridurre le cause di discriminazione del proprio lavoratore con disabilità. Questa novità è certamente importante, ma, se certamente apre spiragli di nuove opportunità per i lavoratori con disabilità, lascia aperti ancora molti dubbi. Sulla base di quanto recentemente scritto da Mario Conclave e Maria Cristina Cimaglia di Italia Lavoro su Superando.it, riportiamo una sintesi dei punti di forza e delle criticità dell'introduzione del criterio dell'accomodamento ragionevole nel diritto del lavoro italiano.
Pubblicato il 27/09/2013 - letto 2239 volte - 0 file allegati


Scuola: quando la Cassazione lascia perplessi!

La recentissima Sentenza n. 21166/2013 della Corte di Cassazione ha lasciato perplessi in molti per le incoerenze e le incongruenze con la normativa esistente. A farne le spese - in tutti i sensi - è stata la famiglia di un bambino con disabilità che aveva chiesto il rimborso per la compartecipazione alle spese di trasporto e di assistenza del figlio. In questo focus, partendo dalle riflessioni di Salvatore Nocera, analizzeremo gli aspetti critici della Sentenza.
Pubblicato il 26/09/2013 - letto 1253 volte - 0 file allegati


2014, quali prospettive sociali?

Tra aumenti dell'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), tagli dell'Imposta Municipale Unica (IMU) e altre manovre, si avvicina il momento in cui il Governo metta mano al Documento di Economia e Finanza (DEF), documento che sarà la base della prossima Legge di Stabilità (ex finanziaria). Per il momento, tra i tanti temi presentati, quello delle politiche sociali (ed in particolare quello sulle politiche per la disabilità) non emerge dal dibattito, né si dice una sola cifra rispetto a quello che dovrebbe esserne il finanziamento. C'è chi - come Carlo Giacobini - stima un fabbisogno di 1 miliardo di Euro, anche se, purtroppo, più che di una previsione, sembra una mera utopia, tanto più a guardare i precedenti…
Pubblicato il 20/09/2013 - letto 998 volte - 0 file allegati


I LEA regionali e le attività in acqua per i minorenni con disabilità

In questo focus analizziamo cosa prevede la Regione Umbria in merito alla riconducibilità delle attività in acqua - specificatamente, gli esercizi assistiti in acqua - richieste per i minorenni con disabilità nei Livelli Essenziali di Assistenza. Se i LEA nazionali le escludono, la Regione Umbria, con DGR n. 1619 del 20 novembre 2002, ne ha previsto un straordinario reinserimento - solo per i minorenni e sono in presenza di idoneo progetto riabilitativo - in quanto queste attività «rivestono una positiva funzione nell'età evolutiva, dove il lavoro in acqua è invece un intervento di alta funzione riabilitativa non solo nel settore fisico-motorio, ma anche in ambito relazionale e cognitivo».
Pubblicato il 29/08/2013 - letto 1887 volte - 0 file allegati


Corte costituzionale: congedi fino a due anni anche ai parenti entro il terzo grado

È stato abbattuto uno forte limite della normativa sui congedi retribuiti fino a due anni per l'assistenza alle persone con disabilità: con la Sentenza n. 203 del 18 luglio 2013, la Corte Costituzionale ha accolto il ricorso per incostituzionalità della normativa relativa ai congedi retribuiti fino a due anni nella parte in cui escludeva, tra i beneficiari, i parenti e gli affini entro il terzo grado della persona con disabilità. Finalmente, anche per quest'ultimi sarà possibile prendere i congedi retribuiti per assistere un proprio familiare, purché gli altri parenti previsti dalla normativa (coniuge, genitori, figli, fratelli e sorelle) siano deceduti, mancanti o in condizioni di salute tali da non poter svolgere assistenza.
Pubblicato il 23/08/2013 - letto 1867 volte - 0 file allegati


Lotta ai "falsi invalidi": il misero esito di una moderna "caccia alle streghe". Chi pagherà?

La IV Conferenza Nazionale sulle politiche per la disabilità di Bologna è stata, tra le altre cose, anche un'occasione utile per ricordare i miseri risultati della tanto osannata lotta ai cosiddetti "falsi invalidi": solo lo 0,06% delle persone ri-esaminate dalle Commissioni su 800 mila controllate nel 2012 sono risultate avere un accertamento sanitario non conforme alla gravità clinica della patologia accertata. Ma non è solo un problema di dati: gravi discriminazioni sono nate da questa inutile campagna ai danni delle persone con disabilità ed in particolare di quelle cieche. Il fenomeno di sospetto contro le persone cieche, infatti, ha raggiunto i livelli di una vera e moderna "caccia alle streghe". Ma chi pagherà il prezzo di tutto ciò?
Pubblicato il 20/08/2013 - letto 1036 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0