Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Focus »

Focus

L'"anello debole" del nuovo nomenclatore tariffario

Con l'aggiornamento dei nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), vengono introdotte sostanziali modifiche anche agli elenchi del Nomenclatore Tariffario. Si parla quindi di prodotti tecnologicamente all'avanguardia, con novità sia nella struttura che nella fornitura degli stessi. Se da un lato, il vecchio Nomenclatore, varato nel '99, ha necessità di essere adeguato agli obiettivi di vita delle persone con disabilità, dall'altro è comunque necessario che garantisca un'appropriata risposta alle loro esigenze di funzionamento. Sebbene sia ancora tutto da definire, alcuni commentatori già temono che con le attuali modifiche si rischi di erogare ausili di serie anche quando la richiesta è strettamente specifica e personalizzata; tutto questo, secondo la loro opinione, rischierebbe di andare a discapito dei diritti delle persone con disabilità. In questo articolo cerchiamo di fare il punto dello stato dell'arte.
Pubblicato il 27/03/2015 - letto 1173 volte - 0 file allegati


Profilo di funzionamento e Scheda di Valutazione Multidimensionale per le Persone con Disabilità (S.Va.M.Di.)

Cogliendo l'occasione di un recente convegno a Roma sulla Scheda di Valutazione Multidimensionale per le Persone con Disabilità (S.Va.M.Di.), si riportano le riflessioni in merito alla sua funzione valutativa e ai possibili adattamenti per la realizzazione del profilo di funzionamento. Entrambi i temi, considerati strategici in riferimento all'appropriatezza degli interventi e delle prestazioni, sono molto attuali anche in Umbria. La Regione Umbria, negli ultimi anni, ha avviato un percorso di aggiornamento del sistema e degli strumenti di valutazione impiegati dalla rete dei servizi e, più recentemente, ha individuato nella realtà ternana il contesto territoriale nel quale avviare un progetto di sperimentazione dei progetti di Vita Indipendente che vede coinvolto il Comune di Terni, la USL Umbria n. 2 e il Centro per l'Autonomia Umbro nella definizione e nell'impiego di procedure e strumenti innovativi.
Pubblicato il 6/03/2015 - letto 1901 volte - 0 file allegati


Lorenzin presenta la riforma dei Livelli Essenziali di Assistenza

Dopo un lungo percorso di definizione, la Ministra della Salute Lorenzin ha presentato la proposta di aggiornamento dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza presso la Conferenza Stato-Regioni e poi in Commissione Igiene e Sanità del Senato. I nuovi LEA rinnoveranno anche il Nomenclatore delle protesi e degli ausili fermo dal 1999. Inserite anche 110 malattie rare, l'autismo, la ludopatia, la tecnica epidurale e la fecondazione assistita. Ma non mancano le critiche nel metodo e nel merito.
Pubblicato il 13/02/2015 - letto 1211 volte - 0 file allegati


Assistenza domiciliare indiretta: la parola ai Tribunali

Nel focus, si partirà da una breve analisi di due Sentenze, l'una del Tribunale di Ascoli Piceno e l'altra del TAR del Piemonte, che hanno come oggetto l'assistenza domiciliare indiretta, per poi chiederci qual è la situazione umbra in tema di assistenza indiretta e diritto alla Vita Indipendente.
Pubblicato il 7/02/2015 - letto 1147 volte - 0 file allegati


Come funzionerà il nuovo ISEE

L'8 febbraio 2015 entrerà in vigore il nuovo ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente). In questo focus presentiamo un quadro generale delle principali questioni che attengono alle modalità con cui verrà calcolato il nuovo Indicatore, rimandando alle schede tematiche per ulteriori approfondimenti.
Pubblicato il 23/01/2015 - letto 1203 volte - 0 file allegati


Piano regionale per la non autosufficienza. La programmazione

A dicembre 2014, l'Assemblea legislativa dell'Umbria ha approvato il Piano Regionale Integrato per la Non Autosufficienza (PRINA). Sebbene nel titolo dell'atto ci sia il riferimento all'anno 2014, il documento va letto come la pianificazione di politiche ed interventi di contrasto alla disabilità e alla non autosufficienza per il prossimo triennio (2015-2017). Le risorse economiche previste per l'Umbria, 9.854.714,00 Euro, saranno destinate a confermare la domiciliarità e la presa in carico globale delle persone con disabilità.
Pubblicato il 16/01/2015 - letto 1119 volte - 0 file allegati


Il punto sulla Legge di stabilità del 2015

A seguito dell'approvazione definitiva della Legge di stabilità per il 2015, si ritiene opportuno elencare le principali novità previste che interessano le persone con disabilità e le loro famiglie.
Pubblicato il 9/01/2015 - letto 906 volte - 0 file allegati


ISEE: pubblicati i modelli della Dichiarazione Sostitutiva Unica

Nel periodo compreso tra il 17 dicembre 2014 e l'8 febbraio 2015 partirà l'applicazione del nuovo ISEE nei territori e nei comuni d'Italia. Dopo che il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha pubblicato con Decreto i modelli della Dichiarazione Sostitutiva Unica, tutto è pronto affinché gli Enti deputati (Comuni, Università, ecc.) definiscano i propri criteri per l'erogazioni delle prestazioni sociali agevolate. Novità positive riguardano l'esclusione del computo di una parte di trasferimenti monetari di natura assistenziale.
Pubblicato il 13/12/2014 - letto 815 volte - 0 file allegati


L'inclusione lavorativa delle persone con disabilità: scenari sconfortanti

Guardando la situazione dell'inclusione lavorativa delle persone con disabilità, lo scenario è sconfortante: a Terni, oltre alla grave situazione di più di 500 lavoratori e lavoratrici della Thyssen Krupp, mancano all'appello oltre 140 posti di lavoro per le persone con disabilità. L'intenzione da parte del Governo di azzerare il Fondo per il diritto al lavoro delle persone con disabilità, poi, ostacola anche chi vorrebbe o potrebbe assumere. Infine, la Relazione al Parlamento sullo stato dell'inclusione lavorativa confronta il numero di iscritti alle liste di collocamento con l'esiguo numero di posti occupati e fa il punto sulle potenziali assunzioni che non vengono fatte a causa dell'assenza di controlli.
Pubblicato il 7/11/2014 - letto 972 volte - 0 file allegati


I costi sociali della disabilità: un focus su sclerosi multipla e lesione midollare

I ricercatori dell'AISM hanno realizzato uno studio scientifico che ha individuato i costi sociali causati dalla sclerosi multipla; tale studio prende in esame i costi socio-economici della patologia nell'anno 2011, in Italia. In questa news, inoltre, parleremo dei costi che deve affrontare la persona con lesione midollare e che incidono sull'equilibrio economico e sociale della famiglia, secondo la ricerca Bisogni e costi delle persone con lesione midollare e dei nuclei familiari di riferimento, dell'IAF.
Pubblicato il 31/10/2014 - letto 880 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0