Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Focus »

Focus

La nuova classificazione delle strutture residenziali e diurne dell'Umbria

La Regione Umbria pubblica la nuova classificazione delle strutture residenziali e semi-residenziali regionali sulla base delle caratteristiche tecnico-organizzative e dell'intensità assistenziale, al fine di includere questo nuovo elenco all'interno della programmazione del nuovo Piano Sanitario Regionale. In Umbria sono presenti 66 strutture residenziali e semi-residenziali, il cui funzionamento però risulta disomogeneo sia in termini di distribuzione territoriale, sia in termini di prestazioni offerta.
Pubblicato il 6/02/2016 - letto 1754 volte - 0 file allegati


Il Comune di Terni e la sperimentazione delle fasce ISEE

Il Comune di Terni sperimenta dal 1° gennaio 2016 le nuove fasce ISEE per la compartecipazione alla spesa per i servizi semi-residenziali e residenziali. La sperimentazione - valida finché dalla Regione Umbria (o dal Governo stesso) non arrivino altre indicazioni - è stata concordata preventivamente con le associazioni che tutelano e promuovono i diritti delle persone con disabilità.
Pubblicato il 15/01/2016 - letto 949 volte - 0 file allegati


Fondo Nazione per la Non Autosufficienza: il Decreto di riparto per il 2015

Il 3 agosto scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che riparte le risorse finanziarie destinate al Fondo Nazionale per la Non Autosufficienza per l'anno 2015. Il Decreto suddivide gli stanziamenti approvati dal Parlamento nella precedente Legge di Stabilità, pari a 400 milioni di Euro, da destinare - si legge nel testo del Decreto -«alla realizzazione di prestazioni, interventi e servizi assistenziali nell'ambito dell'offerta integrata di servizi socio-sanitari in favore di persone non autosufficienti».
Pubblicato il 4/09/2015 - letto 1220 volte - 0 file allegati


Dubbi sull'ISEE: le risposte del Ministero e dell'INPS

A seguito delle domande di chiarimento della Consulta dei Centri di Assistenza Fiscale, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e l'INPS hanno redatto due documenti in cui hanno risposto alle principali controversie che il Decreto n. 159/2013 aveva sollevato.
Pubblicato il 17/07/2015 - letto 2270 volte - 0 file allegati


Per la compartecipazione alla spesa, "vogliamo pagare il giusto"!

Pagare il "giusto" è l'obiettivo delle persone con disabilità e delle loro famiglie davanti a servizi e prestazioni socio-sanitarie. A circa dieci anni dalla campagna "pagare il giusto", si ripropone di nuovo la questione di monitorare la corretta applicazione dei criteri attinenti all'Indicatore della Situazione Economica Equivalente da parte degli enti erogatori, affinché la partecipazione al costo dei servizi e delle prestazioni sia considerata uno strumento di politica sociale e non di sostegno alle casse comunali. La FISH Umbria ONLUS intende chiedere alla Regione di elaborare linee guida appropriate e all'Osservatorio regionale di effettuare un monitoraggio sull'operato dei comuni.
Pubblicato il 26/06/2015 - letto 1312 volte - 0 file allegati


Inclusione scolastica: Salvatore Nocera risponde alle critiche di Dario Ianes

La questione del progetto di legge sull'inclusione scolastica continua a alimentare un accesso dibattito in merito ai vari aspetti sui quali vorrebbe porre innovazione. Se coloro che non sono favorevoli alla proposta continuano ad insistere su alcuni aspetti a loro avviso critici (in particolare, la sanitarizzazione della docenza, il ruolo "blindato" dell'insegnante di sostegno), i sostenitori della proposta, invece, spiegano che entrambe le critiche sono assolutamente infondate e che la riforma, al contrario, ha esattamente lo scopo opposto. In questo focus, Salvatore Nocera risponde alle critiche di Dario Ianes.
Pubblicato il 19/06/2015 - letto 2191 volte - 0 file allegati


La FAND risponde a Sofri sulla specializzazione dell'insegnante di sostegno

L'articolo pubblicato da Adriano Sofri sulle criticità del disegno di legge sulla specializzazione dell'insegnante di sostegno, promosso e sostenuto anche dalle due federazioni di associazioni FISH e FAND, ha provocato diverse reazioni. Proponiamo una puntale risposta da parte di Luciano Paschetta, referente nazionale della FAND per l'Istruzione: dal (falso) problema della delega degli alunni e alunne con disabilità da parte dell'insegnante curriculare all'insegnante di sostegno, all'(improbabile) declassamento dell'insegnante di sostegno a docente di "serie B", Paschetta prova a "smontare" una per una le critiche di Sofri.
Pubblicato il 6/06/2015 - letto 1271 volte - 0 file allegati


Regione Umbria. Taglio del 20% sul rimborso di componenti aggiuntivi e accessori di ausili e protesi

Un taglio che ricade tutto sulle persone con disabilità e sulla loro salute è quello che la Regione Umbria ha deliberato con due atti di marzo e aprile scorso: un abbattimento del 20% del rimborso del costo degli aggiuntivi e degli accessori relativi a protesi, ortesi ed ausili per le persone con disabilità, previsti dal Nomenclatore Tariffario allegato al Decreto Ministeriale n. 332 del 27 agosto 1999.
Pubblicato il 15/05/2015 - letto 1940 volte - 0 file allegati


Come i mezzi di informazione raccontano (male) la disabilità

Il Rapporto 2012 "Disabilità e media. La rappresentazione delle persone con disabilità nel sistema italiano dell'informazione" (a cura della Fondazione Giacomo Matteotti ONLUS e della Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo) si è orientato sui grandi mezzi di comunicazione italiani e sulle vicende che hanno assunto un carattere di "esemplarità", diventando "storie" sulle principali e più seguite testate nazionali. Ne esce, purtroppo, una rappresentazione mediatica della disabilità complessivamente inadeguata, modesta, inefficace, parziale, omissiva e, soprattutto, eroica o pietistica.
Pubblicato il 30/04/2015 - letto 1210 volte - 0 file allegati


L'"anello debole" del nuovo nomenclatore tariffario

Con l'aggiornamento dei nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), vengono introdotte sostanziali modifiche anche agli elenchi del Nomenclatore Tariffario. Si parla quindi di prodotti tecnologicamente all'avanguardia, con novità sia nella struttura che nella fornitura degli stessi. Se da un lato, il vecchio Nomenclatore, varato nel '99, ha necessità di essere adeguato agli obiettivi di vita delle persone con disabilità, dall'altro è comunque necessario che garantisca un'appropriata risposta alle loro esigenze di funzionamento. Sebbene sia ancora tutto da definire, alcuni commentatori già temono che con le attuali modifiche si rischi di erogare ausili di serie anche quando la richiesta è strettamente specifica e personalizzata; tutto questo, secondo la loro opinione, rischierebbe di andare a discapito dei diritti delle persone con disabilità. In questo articolo cerchiamo di fare il punto dello stato dell'arte.
Pubblicato il 27/03/2015 - letto 1897 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0