Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Focus »

Focus

L'assistente personale e l'autogestione dell'assistenza. Un film o una realtà?

«Ti sembra giusto che non sia il disabile a scegliere l'operatore che ritiene più idoneo per sé?» A questa domanda - posta da una madre perugina per suo figlio - tenta di rispondere l'Onorevole Ileana Argentin (deputata con disabilità eletta tra le fila del Partito Democratico). E se il riferimento giuridico cui bisogna far riferimento - come correttamente suggerisce Argentin - è la Legge n. 162/1998, sembra che in Umbria la questione dell'assistenza indiretta non riesca a prendere avvio. Ma basta sconfinare in Toscana e la situazione è ben diversa: una recente delibera della Giunta regionale ha stanziato 5 milioni e 200 mila Euro che verranno poi assegnati alle persone con disabilità che ne faranno richiesta, presentando progetti specifici per la vita indipendente. Ma in Umbria, la storia dell'assistente personale sembra un brutto film, esattamente il contrario di quel film - vero - che sta uscendo in questi giorni nelle sale cinematografiche che narra la storia dello stra-ordinario rapporto tra una persona con disabilità con il suo "assistente personale" ("Intouchables", in italiano "Quasi amici").
Pubblicato il 8/03/2012 - letto 2629 volte - 0 file allegati


Difendere le persone e i loro diritti dalla crisi

L'articolo che segue propone un'analisi preparatoria di quelli che saranno gli argomenti trattati nel corso del seminario formativo "Difendere le persone e i loro diritti dalla crisi" realizzato nell'ambito del progetto "Bilanci per i diritti" promosso dalla FISH Onlus
Pubblicato il 7/03/2012 - letto 1240 volte - 0 file allegati


"L'aziendabilità. Il valore delle risorse disabili per l'azienda e il valore dell'azienda per le risorse disabili": un altro testo disponibile presso il CDD

Il volume che vi presentiamo questa settimana giunto tra i "nuovi arrivi" del Centro Documentazione sulla Disabilità è di Silvia Angeloni, edito dalla Franco Angeli nel 2010. Il testo intende alfabetizzare le aziende sul tema del diritto al lavoro delle persone con disabilità e ricorre al modello del "disability management". Tale approccio è basato sul presupposto che sia soprattutto l'azienda a doversi adattare alla disabilità, e dimostra i molteplici vantaggi connessi alla strategia dell'inclusione.
Pubblicato il 2/03/2012 - letto 1182 volte - 0 file allegati


"Il computer di sostegno": uno dei nuovi testi disponibili presso il CDD

Un altro testo che affronta il tema della scuola consultabile presso il Centro Documentazione sulla Disabilità, è quello curato da Flavio Fogarolo: "Il computer di sostegno", pubblicato dalla Erickson nel 2007. Il manuale rappresenta un'utile guida alla scelta, all'utilizzo e all'adattamento di sussidi e ausili informatici per favorire l'apprendimento e l'integrazione didattica negli alunni con disabilità.
Pubblicato il 24/02/2012 - letto 1100 volte - 0 file allegati


Il «Decreto Semplifica Italia»: cosa cambia e quali sono i vantaggi per le persone con disabilità

Il 9 febbraio 2012 è stato ufficialmente pubblicato il Decreto Legge n. 5/2012, comunemente definito "Decreto Semplifica Italia". Nel Decreto Legge vi è una norma specificatamente dedicata alla semplificazione della documentazione per poter accedere alle agevolazioni e al «contrassegno invalidi» per le persone con disabilità. Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione Filippo Patroni Griffi ha dato formale comunicazione alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap) dell'avvenuta pubblicazione e ha ribadito che il Decreto è frutto anche della collaborazione della Federazione con il suo Ministero. È chiaro che l'intento di semplificare la materia è più che lodevole (e necessario), anche se le contraddizioni del sistema sono dovute alla stratificazione normativa - molto spesso incoerente - che è avvenuta nel corso degli anni. Senza una revisione alla radice del sistema di legiferare a riguardo, si teme che qualsiasi tentativo di semplificare le procedure sia solo un'eterna rincorsa verso una maggiore efficienza, con scarsi risultati concreti. Proponiamo un'analisi delle semplificazioni proposte dal Decreto.
Pubblicato il 22/02/2012 - letto 4600 volte - 0 file allegati


Uno dei nuovi titoli disponibili presso il CDD: "Special needs a scuola. Pedagogia e didattica inclusiva per alunni con disabilità"

Continuiamo ad esplorare i nuovi titoli disponibili presso il Centro Documentazione sulla Disabilità che trattano il tema della scuola. Questa settimana ci soffermiamo su "Special needs a scuola. Pedagogia e didattica inclusiva per alunni con disabilità", scritto da Tamara Zappaterra e edito da Edizioni ETS - Pisa.
Pubblicato il 17/02/2012 - letto 1416 volte - 0 file allegati


Il blog del Corriere della Sera: «InVisibili»

Se è vero che i mass media - soprattutto quelli italiani - generalmente ignorano i temi reali riguardanti la disabilità, quello che si può leggere in questi giorni sulle colonne - cartacee e virtuali - del "Corriere della Sera" non può che essere accolto con «soddisfazione ed apprezzamento» come afferma la stessa FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap). Dall'inizio del mese, varie rubriche del quotidiano hanno dato voce (ciascuna a suo modo) ai problemi sulla disabilità ed è nato un nuovo blog: «InVisibili».
Pubblicato il 17/02/2012 - letto 1483 volte - 0 file allegati


Vita Indipendente e autodeterminazione: ancora troppi ostacoli per le persone con disabilità

Il tema della Vita Indipendente e dell'autodeterminazione delle persone con disabilità, come si sa, è uno dei "cavalli di battaglia" della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap): è un diritto fondamentale riconosciuto anche nei trattati internazionali. L'inevitabile connessione con due altri temi/diritti - quello dell'assistenza indiretta o auto-gestita e quello del Progetto Individuale - fa diventare il tutto una questione di giustizia sociale per le persone con disabilità. Tuttavia, il Progetto Individuale è ancora troppo spesso una chimera e l'assistenza auto-gestita funziona a singhiozzo lungo tutto lo "Stivale": quindi, parlare di diritto all'autodeterminazione e alla vita indipendente sembra quasi vaneggiare. Ma cosa «è più vitale e paritario della libertà di autodeterminarsi?», chiede la signora Ida Sala al Ministro del lavoro e delle politiche sociali Elsa Fornero. Non sappiamo cosa le risponderà il Ministro, ma sappiamo cosa le ha risposto il Consiglio di Stato quando la signora, qualche anno fa, ricorse contro il proprio Comune per il mancato finanziamento del proprio «progetto di vita indipendente».
Pubblicato il 17/02/2012 - letto 1356 volte - 0 file allegati


"Gli alunni con disabilità nella scuola italiana. Bilancio e proposte"

Il Rapporto "Gli alunni con disabilità nella scuola italiana. Bilancio e proposte" (Edizioni Erickson 2011), è stato realizzato in collaborazione da Associazione Treellle, Caritas Italiana e Fondazione Giovanni Agnelli. Si cerca, in questo studio, di comprendere se e in quale misura, a fronte delle rilevanti risorse economiche e umane dispiegate, l'integrazione degli allievi con disabilità abbia conseguito i risultati sperati a oltre trent'anni dal suo avvio.
Pubblicato il 10/02/2012 - letto 1034 volte - 0 file allegati


«I disabili (veri) dimenticati dallo Stato». La denuncia di Gian Antonio Stella

Accogliamo positivamente l'importante denuncia pubblicata dal giornalista Gian Antonio Stella sulle colonne del "Corriere della Sera" in merito alla situazione delle persone con disabilità troppo spesso abbandonate a se stesse e all'unico vero welfare che in Italia ancora funziona: la famiglia. Ma per quanto tempo ancora funzionerà il welfare familiare se rimane completamente solo e con sempre meno risorse? «Uno Stato serio - afferma Stella - se lo deve porre il problema. Perché sarebbe inaccettabile scaricare ulteriori responsabilità e fatiche e spese e angosce su quelle famiglie. Ci sono già state […] stagioni orribili in cui i disabili (si pensi a certi manifesti tedeschi degli anni Trenta...) sono stati visti come un fardello economico. Mai più».
Pubblicato il 10/02/2012 - letto 1344 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0