Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Focus »

Focus

Il blog del Corriere della Sera: «InVisibili»

Se è vero che i mass media - soprattutto quelli italiani - generalmente ignorano i temi reali riguardanti la disabilità, quello che si può leggere in questi giorni sulle colonne - cartacee e virtuali - del "Corriere della Sera" non può che essere accolto con «soddisfazione ed apprezzamento» come afferma la stessa FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap). Dall'inizio del mese, varie rubriche del quotidiano hanno dato voce (ciascuna a suo modo) ai problemi sulla disabilità ed è nato un nuovo blog: «InVisibili».
Pubblicato il 17/02/2012 - letto 1694 volte - 0 file allegati


Vita Indipendente e autodeterminazione: ancora troppi ostacoli per le persone con disabilità

Il tema della Vita Indipendente e dell'autodeterminazione delle persone con disabilità, come si sa, è uno dei "cavalli di battaglia" della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap): è un diritto fondamentale riconosciuto anche nei trattati internazionali. L'inevitabile connessione con due altri temi/diritti - quello dell'assistenza indiretta o auto-gestita e quello del Progetto Individuale - fa diventare il tutto una questione di giustizia sociale per le persone con disabilità. Tuttavia, il Progetto Individuale è ancora troppo spesso una chimera e l'assistenza auto-gestita funziona a singhiozzo lungo tutto lo "Stivale": quindi, parlare di diritto all'autodeterminazione e alla vita indipendente sembra quasi vaneggiare. Ma cosa «è più vitale e paritario della libertà di autodeterminarsi?», chiede la signora Ida Sala al Ministro del lavoro e delle politiche sociali Elsa Fornero. Non sappiamo cosa le risponderà il Ministro, ma sappiamo cosa le ha risposto il Consiglio di Stato quando la signora, qualche anno fa, ricorse contro il proprio Comune per il mancato finanziamento del proprio «progetto di vita indipendente».
Pubblicato il 17/02/2012 - letto 1574 volte - 0 file allegati


"Gli alunni con disabilità nella scuola italiana. Bilancio e proposte"

Il Rapporto "Gli alunni con disabilità nella scuola italiana. Bilancio e proposte" (Edizioni Erickson 2011), è stato realizzato in collaborazione da Associazione Treellle, Caritas Italiana e Fondazione Giovanni Agnelli. Si cerca, in questo studio, di comprendere se e in quale misura, a fronte delle rilevanti risorse economiche e umane dispiegate, l'integrazione degli allievi con disabilità abbia conseguito i risultati sperati a oltre trent'anni dal suo avvio.
Pubblicato il 10/02/2012 - letto 1236 volte - 0 file allegati


«I disabili (veri) dimenticati dallo Stato». La denuncia di Gian Antonio Stella

Accogliamo positivamente l'importante denuncia pubblicata dal giornalista Gian Antonio Stella sulle colonne del "Corriere della Sera" in merito alla situazione delle persone con disabilità troppo spesso abbandonate a se stesse e all'unico vero welfare che in Italia ancora funziona: la famiglia. Ma per quanto tempo ancora funzionerà il welfare familiare se rimane completamente solo e con sempre meno risorse? «Uno Stato serio - afferma Stella - se lo deve porre il problema. Perché sarebbe inaccettabile scaricare ulteriori responsabilità e fatiche e spese e angosce su quelle famiglie. Ci sono già state […] stagioni orribili in cui i disabili (si pensi a certi manifesti tedeschi degli anni Trenta...) sono stati visti come un fardello economico. Mai più».
Pubblicato il 10/02/2012 - letto 1530 volte - 0 file allegati


"Persone disabili in famiglia, a scuola e in società"

A che punto siamo, in Italia, nel processo d'inclusione, integrazione, valorizzazione delle persone con disabilità in famiglia, a scuola e in società? Questa è la domanda cui tenta di rispondere Francesco Fusca nel volume edito da Ferrari nel 2011 e disponibile presso il Centro Documentazione Disabilità del Centro per l'Autonomia Umbro. Ricordiamo che chi vuole può iscriversi alla biblioteca e consultare o prendere in prestito questo e gli altri libri.
Pubblicato il 3/02/2012 - letto 1392 volte - 0 file allegati


Perché non ha senso escludere dalle tariffe agevolate degli autobus chi beneficia dell'indennità di accompagnamento

Abbiamo dato la notizia delle nuove regole per beneficiare delle tessere speciali per accedere ai mezzi pubblici di Terni. Dal 2012, il Comune ha deliberato di non concedere l'agevolazione della tessera speciale a chi beneficia dell'indennità di accompagnamento, poiché considera quest'ultima essa stessa un'agevolazione ai trasporti. La motivazione nasce dall'applicazione "alla lettera" della Sentenza del Consiglio di Stato n. 1607/2011 - già richiamata dalla nostra Amministrazione anche per la questione del trasporto ai Centri Diurni - che considera "cumulo di agevolazioni" il beneficiare contemporaneamente dell'indennità di accompagnamento e di eventuali riduzioni sul costo della tariffa di trasporto. In questo focus analizzeremo i punti critici di questo regolamento che equipara le finalità e le modalità di fruizione del trasporto pubblico ordinario a quello a chiamata destinato ai Centri Diurni. Ma le finalità sono effettivamente le stesse?
Pubblicato il 3/02/2012 - letto 1379 volte - 0 file allegati


I libri del Centro Documentazione sulla Disabilità

Da oggi e nelle prossime settimane vedremo uno ad uno i libri recentemente disponibili al Centro Documentazione sulla Disabilità. Iniziamo dal tema della scuola, con "Educare le Life Skills" di Paola Marmocchi, Claudia Dall'Aglio, Michela Zannini - Erickson 2004.
Pubblicato il 27/01/2012 - letto 1261 volte - 0 file allegati


SLA: ancora nulla di concreto per l'assegno di cura

Dalle pagine on line di Superando.it, Carla Morelli dell'Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica dell'Umbria (AISLA) denuncia il "nulla di fatto" che ha seguito il tanto celebrato atto regionale che avrebbe dovuto dare avvio alla sperimentazione dell'assegno di cura per le persone con Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). La sperimentazione - come previsto dalla Delibera di Giunta Regionale del 29 luglio, nonché dalle "rassicuranti" parole della Presidente Catiuscia Marini - avrebbe dovuto partire il 1° ottobre 2011 e terminare il 30 settembre 2012, ma, a tutt'oggi, non è nemmeno iniziata.
Pubblicato il 20/01/2012 - letto 1415 volte - 0 file allegati


La programmazione regionale 2012-2014: lo sguardo di insieme del Documento Annuale di Programmazione (DAP)

L'approvazione del Documento Annuale di Programmazione (DAP) 2012-2014 da parte della Giunta regionale permette una visione della programmazione socio-economica che la nostra regione affronterà nel prossimo triennio. La situazione, per quanto riguarda il sociale, non è positiva: nel 2012, i fondi destinati alla programmazione dei servizi e degli interventi dei Comuni subiranno una contrazione complessiva di oltre il 93% (per un valore assoluto pari a 17 milioni e 316 mila Euro circa).
Pubblicato il 13/01/2012 - letto 1445 volte - 0 file allegati


Le proposte per "salvare il welfare" regionale: le proposte per la compartecipazione al costo dei servizi e la «tassa di scopo»

Il welfare regionale è in crisi, con il rischio dell'impossibilità di erogazione di servizi e prestazioni. Il Presidente della Regione Catiuscia Marini e la sua Giunta si trovano di fronte a scelte importanti, ma che potrebbero richiedere un'ulteriore "partecipazione" da parte dei cittadini. All'esame della Giunta sono state presentate due questioni: i criteri dell'ISEE per la compartecipazione alla spesa del costo dei servizi da parte dei cittadini con disabilità e l'ipotesi - caldeggiata da più parti, tra cui anche dalla FISH Umbria ONLUS per conto del suo vicepresidente Goretti - di aumentare l'IRPEF dello 0,3% sui redditi oltre i 75.000 Euro. Una sorta di «tassa di scopo» per salvare il welfare regionale?
Pubblicato il 21/12/2011 - letto 1565 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0