Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Accertamenti sanitari

In questa sezione sono presenti 128 schede e le seguenti sottosezioni:
L'Esperto risponde - Indice delle sottosezioni in cui si articola la sezione Accertamenti sanitari
Sottosezioni presenti in "Accertamenti sanitari"ContenutoAggiornato
Invalidità civile17 schede23/02/2016
Invalidità e lavoro8 schede29/06/2016
Compatibilità/incompatibilità9 schede20/10/2015
Pensione di inabilità7 schede20/10/2014
Assegno mensile di assistenza8 schede29/12/2014
Indennità (accompagnamento, frequenza, ecc.)16 schede27/07/2015
Commissioni mediche8 schede25/08/2015
Invalidità e reddito5 schede29/05/2013
Legge 104/19929 schede15/05/2019
Agevolazioni previste16 schede19/01/2016
Compatibilità/incompatibilità6 schede12/06/2013
Collocamento al lavoro (L. 68/99)13 schede16/02/2015
Idoneità alla guida6 schede23/12/2014
Rapporti tra gli accertamenti6 schede13/06/2013
Ricorsi, diffide e richieste per le certificazioni16 schede20/10/2015
Patologie e accertamenti11 schede13/10/2014
Accertamenti sanitari ed enti previdenziali9 schede19/06/2013


L'ipotiroidismo prevede qualche diritto nel lavoro?

L'ipotiroidismo prevede qualche diritto nel lavoro visto che bisogna sempre prendere la pasticca ogni giorno? Non sono riuscita a capirlo dalle altre schede, ringrazio anticipatamente per la gentile risposta.
Aggiornato il 16/05/2013 - letto 11640 volte - 0 file allegati


La Commissione Medica dell'INPS deve confermare il giudizio della Commissione Medica Militare?

Gradirei sapere il reddito massimo, che dà diritto alla pensione di invalidità civile nel caso in cui viene assegnata una percentuale del 100% di invalidità. Inoltre, essendo stato già sottoposto a visita da una commissione Militare, con la seguente diagnosi "Inabile assoluto a qualsiasi attività lavorativa 1 ctg" per cause non dipendenti da servizio, da collocare in pensione con legge 335/95 la commissione di invalidità civile è obbligata a concedermi l'invalidità civile del 100%? Da indagine eseguita, so che la Commissione di invalidità civile deve confermare quanto stabilito dalla Commissione Militare in quanto non posso stabilire "l'inabilità assoluta a qualsiasi attività lavorativa" perché di competenza Militare. Quindi non potendo più lavorare ho diritto al 100% di invalidità civile. Gradire risposta grazie
Aggiornato il 14/10/2009 - letto 915 volte - 0 file allegati


La depressione può dare luogo all'inabilità al lavoro?

La depressione può dare luogo all'inabilità al lavoro e quindi avere una pensione?
Aggiornato il 26/02/2009 - letto 1537 volte - 0 file allegati


La lista di mobilità si può sospendere per motivi di salute?

Buongiorno, mio marito è stato licenziato e si è iscritto alle liste di Mobilità poiché l'azienda dove lavorava è fallita. Scrivo per sapere se esistono particolari agevolazioni con possibilità di rientro nel mondo del lavoro, anche in Enti Pubblici, per una persona che ha problemi di salute. Lui ha un problema alla vista, in particolare nonostante la sua giovane età, 40 anni, è stato operato di cataratta ad un occhio. La causa della malattia, avvenuta ad una età ancora prima della pre-senilità, è dovuta alle attività lavorative svolte nel passato, a "contatto" con le radiazioni non ionizzanti emanate dagli impianti delle reti cellulari per le Telecomunicazioni, lui sta aspettando risposta da INAIL per il riconoscimento. La cataratta è comparsa anche all'altro occhio che è ancora in attesa di operazione, vede sfocato e sdoppiato e bagliori alla luce, non vi sono lenti in grado di correggere il suo deficit. Ha un controllo a breve dove si deciderà se operare o meno anche il secondo occhio, scelta che spetta al chirurgo se troverà la cataratta "matura". Dalla decisione all'operazione passeranno altri 2/3 mesi di lista d'attesa, nei quali si vive una condizione di inabilità, questo è ciò che ha provato per il primo occhio poiché non vedeva oltre il suo naso e non c'era occhiale che potesse aiutare, aveva quindi problemi nella lettura, scrittura al Computer, per non dire del fatto che non poteva più essere affidabile nella guida. A questo si è aggiunto anche un lasso di tempo per la convalescenza post operazione e per far fare degli occhiali idonei alla nuova condizione visiva. Negli Ospedali Pubblici non ci sono priorità per chi ha un' età "lavorativa" e chi è già in pensione, la maggior parte delle persone che hanno le cataratte. Alla difficoltà di trovare un nuovo lavoro dettata dalla crisi e dalla sua età non più verde, si è aggiunto questo problema poiché difficilmente le Aziende, che già chiedono ai propri dipendenti preparazione ed efficienza, assumerebbero una persona che poi dovrebbe sottostare all'iter descritto per il primo occhio; lui non riesce a nascondere la cosa, anche perché verrebbero senz'altro a conoscenza attraverso una visita medica. Per questo problema agli occhi esiste un'invalidità che possa permettermi di essere considerato categoria protetta? Lui ha chiesto all'INPS se eventualmente c'è la possibilità di sospensione della mobilità per malattia o ricovero Ospedaliero, per non sprecarla ulteriormente, ma gli hanno risposto che tale sospensione avviene solo per un'attività lavorativa, per il servizio militare od una maternità. Per lui la situazione è piuttosto preoccupante ed anche umiliante poiché ha sempre svolto attività lavorative di responsabilità Vi ringrazio. Cordiali saluti
Aggiornato il 22/02/2011 - letto 2138 volte - 0 file allegati


La pensione di inabilità è reversibile?

Mio suocero oltre la pensione percepiva una pensione d'invalidita causa malattia per asposizione all'amianto sul posto di lavoro.ora è mancato proprio per suddetta malattia come certifica il certificato necroscopico. La domanda e la seguente: la moglie oltre la pensione di reversibilita ha diritto a percepire ancora la pensione d'invalidità?
Aggiornato il 28/06/2011 - letto 1014 volte - 0 file allegati


La pensione di invalidità dell'ENPAM è compatibile con la pensione di inabilità dell'INPDAP?

Laureato ed iscritto all'ordine dal 1978. Fatto tirocinio pratico ospedaliero obbligatorio dal 19/10/78 al 18/4/79, poi fino al 1981 lavorato a prestazioni come medico fiscale per l'INAM ed infine nella guardia medica regionale. Nel 1982 mi trasferii in UK,continuai ad essere iscritto all'Enpam fino al 1989. In Uk ho lavorato per il servizio sanitario nazionale (NHS) dal 1982 al 1992 e privatamente fino al 2002.Reiscritto all'ENPAM nel 2004, ho lavorato in un laboratorio privato dal 6/03/2004 al 28/10/2004.Poi tramite avviso pubblico sono stato assunto come dirigente medico dal 29/10/2004 al 28/06/2005 presso l'ASL SA1.Infine, sempre tramite avviso pubblico, sono stato assunto dal 29/06/2005 dall'ASL SA1 come dirigente medico con contratto di 8 mesi, che è stato continuamente prorogato fino al 30/06/2009, e probabilmente, in attesa di stabilizzazione, sara' prorogato fino al 31/12/2009Ho anche versato contributi al fondo specialisti ambulatoriali negli anni 2004 2005 e 2006 Sono affetto dalle seguenti patologie: M. di Parkinson , con rigidità, bradicinesia ed incipiente diplopia, epatopatia cronica HBV correlata, spondiloartrosi diffusa con discopatie lombari ed esiti di lussazione acromioclaveare ed ipoacusia.Le chiedo che cosa dovrei fare nel caso non mi sentissi più in grado di attendere al mio incarico attuale: chiedere pensione d'invalidità all'ENPAM? Oppure quella di inabilità all'INPDAP? Sono le due pensioni compatibili? Come si calcola l'ammontare della pensione di invalidità dell'ENPAM? Se non mi spetta la pensione dall'Inpdap, cosa succede ai contributi versati sin dal mio impiego all'ASL? In caso il mio contratto non fosse prorogato ulteriormente avrei diritto a sussidio di disoccupazione? Infine cosa è successo ai contributi da me versati negli anni dal 1978 al 1981?Distinti salutiLuigi Solaro
Aggiornato il 4/06/2009 - letto 3736 volte - 0 file allegati


La pensione di reversibilità spetta anche ai figli maggiorenni disoccupati?

Salve, avrei bisogno di un chiarimento. Vorrei sapere se è prevista qualche tipo di pensione di reversibilità per i figli maggiorenni disoccupati.
Aggiornato il 20/10/2009 - letto 2518 volte - 0 file allegati


Lavorare con il 100% di invalidità civile e la Legge n. 104/1992

Salve. Mio fratello è invalido al 100%, comma 3. Potrebbe lavorare? Visto che passa tutte le intere giornate in casa? E si annoia? Lui ha una sindrome di "ritardo dello sviluppo del linguaggio e psicomotorio" ma adesso parla bene e ha fatto 8 anni di logopedia e psicomotoria! Grazie, mi faccia sapere.
Aggiornato il 20/10/2015 - letto 665 volte - 0 file allegati


Le cefalee quotidiane possono essere un presupposto per un anticipo del pensionamento?

Sono una docente di Scuola superiore. Soffro di cefalee quotidiane spesso associate a vomito. Questo naturalmente mina la mia qualità di vita e mi impedisce di svolgere con costanza il mio lavoro. Inoltre, due anni fa sono stata operata per un neurinoma. Ritenete che ci siano i presupposti per un anticipo del pensionamento? Cordiali saluti
Aggiornato il 2/09/2009 - letto 1007 volte - 0 file allegati


Le patologie di cui soffre mia madre sono sufficienti perché possa avvalersi dei benefici della legge 104/92?

Mia madre ha 79 anni ed è stata operata all'alluce valgo ad entrambi i piedi. Purtroppo con il sinistro in particolar modo ha problemi alla deambulazione (l'intervento è mal riuscito...) inoltre ha problemi alla spina dorsale (ernia al disco, cervicale...) e non vede con l'occhio destro. Tutto questo è sufficiente perché possa avvalersi dei benefici della legge 104/92? Grazie.
Aggiornato il 2/09/2009 - letto 988 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0