Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Mobilità

In questa sezione sono presenti 3 domande

Contrassegno invalidi per ZTL di Terni che dura solo 6 mesi

La sottoscritta Alda di 83 anni, vive da sola, è residente a Terni (in ZTL) invalida grave da certificazione della commissione medico legale delle ASL di Terni. Le è stato concesso un permesso invalidi ZTL semestrale. La sottoscritta non è in grado di svolgere una vita autonoma e necessita di auto autorizzate a recarsi al suo domicilio, non essendo proprietaria di auto e di patente. È discriminante ed oneroso dover richiedere ogni 6 mesi il permesso e ricevere anche obiezioni umilianti, per un proprio diritto di vita.
Pubblicato il 12/03/2009 - letto 765 volte - 0 file allegati


Il diritto alla mobilità e la Raccomandazione Europea 376/98

Sono affetto da disabilità motoria e vorrei sapere perché, a distanza di 11 anni, non siamo ancora riusciti a far recepire la Raccomandazione Europea 376/98 sul contrassegno europeo per l'automobile. So che attualmente è tutto bloccato perché un articolo della legge sulla privacy non permette l'uso del simbolo della disabilità, ma non ci vorrebbe molto per cambiarlo se i disabili esercitassero pressione sui nostri governanti. Certo non abbiamo il potere del Vaticano che sarebbe riuscito a far emanare la legge sull'alimentazione forzata in soli 3 giorni, ma in tanti anni avremmo potuto (e dovuto) fare qualcosa. Mi chiedo a cosa servano le associazioni di disabili.
Pubblicato il 30/03/2009 - letto 522 volte - 0 file allegati


Rapporti tra indennità di accompagnamento e patente di guida

In riferimento a quanto brevemente annunciato per telefono questa mattina sull'argomento in oggetto, Vi informo che il piano di verifiche è stato disposto da: INPS - PERUGIA , Via Canali 5 PG a mezzo Commissione medica Superiore (c/o Centro Medico Legale INPS di Perugia) a cui ci si dovrà rivolgere per avere una giusta informativa. Allego 2 trattati (di cui 1 fonte CNR) di notevole importanza sull'argomento che dimostrano, senza ombra di dubbio, la coesistenza dell'indennità di accompagno con il possesso della patente di guida per i malati psichici. Sono al corrente che numerose indennità sono state revocate in seguito a tale revisione straordinaria e dietro il semplice presupposto che l'indennità di accompagno è incompatibile con il possesso di patente auto. Ora , se ci sono dei casi di abuso è bene che vengano smascherati, ma non vorrei che in questo clima di "caccia alle streghe" vengano compromessi anche i diritti e gli interessi degli invalidi per bene, che, molto spesso, sono in precarie condizioni economiche e non sanno come difendersi. Negare loro l'indennità di accompagno equivale e restringere fortemente la loro libertà personale e l'autonomia ,peggiorando irreversibilmente le loro condizioni di vita quotidiane. Sarebbe bene contattare il sopraddetto"Centro Medico Legale INPS di Perugia" per avere un appuntamento e chiarire in quella sede il problema. Ovvio che la richiesta va fatta dal FISH per conto dei malati mentali. Contando su un riscontro a breve, Vi invio i più cordiali saluti. Foligno
Pubblicato il 13/07/2009 - letto 1648 volte - 0 file allegati



Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0