Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Glossario » Lettera F »

Glossario: lettera F


facilitatori

Secondo il modello proposto dalle due Classificazioni dell'OMS (ICF e ICF-CY), i «facilitatori» sono «dei fattori che, mediante la loro assenza o presenza, migliorano il funzionamento e riducono la disabilità. Essi includono aspetti come un ambiente fisico accessibile, la disponibilità di una rilevante tecnologia di assistenza o di ausili e gli atteggiamenti positivi delle persone verso la disabilità, e includono anche servizi, sistemi e politiche che sono rivolti ad incrementare il coinvolgimento di tutte le persone con una condizione di salute in tutte le aree di vita. L'assenza di un fattore può anche essere facilitante, come ad esempio, l'assenza di stigmatizzazione o di atteggiamenti negativi. I facilitatori possono evitare che una menomazione o una limitazione dell'attività divengano una restrizione della partecipazione, dato che migliorano la performance di un'azione, nonostante il problema di capacità della persona.

Vedere anche «barriere».

facoltà di opzione

Quando si verificano casi di incompatibilità tra provvidenze economiche, è possibile operare una scelta fra quelle opzionabili: l'articolo 3 della Legge 407/1990 dà facoltà all'interessato di optare per il trattamento economico più favorevole. La facoltà di opzione deve essere esercitata quando l'interessato riceve la notifica del verbale della competente Commissione Medica della ASL che ha riconosciuto l'invalidità civile. L'articolo 4 del D. M. 553/1992 specifica che, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento, l'interessato è tenuto a comunicare l'eventuale concessione in suo favore di trattamenti pensionistici incompatibili, inviando all'ente che ha in istruttoria la pratica di concessione della provvidenza una dichiarazione dell'ente erogatore della prestazione pensionistica incompatibile, attestante l'avvenuta presentazione di un atto di rinuncia alla prestazione stessa.


Da: P. Ferri, M. Aquilani, G. Saraceno, «Guida pratica invalidità e handicap. Per gestire le problematiche di invalidi civili, ciechi e sordi», Milano, il Sole 24 Ore, 2006 (Le Guide Pratiche del Sole 24 Ore).

FAND
Vedi sotto «Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND)».
FAND Umbria ONLUS
Vedi sotto «Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND)».
farmaci di fascia A
 «Medicinali concedibili dal Servizio Sanitario Nazionale per i quali non è dovuta alcuna quota di partecipazione degli assistiti  alla spesa farmaceutica».
 (Da: «L’informatore farmaceutico», 2005).
farmaci di fascia C
«Medicinali a totale carico degli assistiti (non concedibili dal Servizio Sanitario Nazionale)».
 (Da: «L’informatore farmaceutico», 2005).
farmaci di fascia H
Medicinali «erogati a carico del Servizio Sanitario Nazionale, quando utilizzati in ambito ospedaliero o in strutture ad esso assimilabili, secondo disposizioni delle Regioni o delle Province autonome».
 (Da: «L’informatore farmaceutico», 2005).
fase acuta

La fase acuta è il momento in cui si verifica l’evento che, causando la riduzione dei livelli di funzionamento corporeo, provoca una condizione di disabilità. Nella fase acuta, è necessaria un'attività di prevenzione da eventuali danni secondari e la determinazione del setting successivo da parte dell’équipe multidisciplinare del Presidio Ospedaliero e/o dell’Azienda Ospedaliera.


APPROFONDIMENTI:

Scheda tematica: Assistenza riabilitativa.

Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND)

La FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità) è costituita nel 1994 e rappresenta oltre cinque milioni di persone con disabilità.

È una federazione tra le seguenti associazioni:

  • ANMIC (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili);
  • ANMIL (Associazione nazionale Mutilati ed Invalidi sul Lavoro);
  • ENS (Ente Nazionale Assistenza ai Sordi);
  • UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti);
  • UNMS (Unione Nazionale Mutilati per Servizio).

L’obiettivo principale della Federazione è quello di raccogliere intorno al nucleo delle Associazioni di categoria – cosiddette «storiche», perché presenti sul territorio nazionale fin dai primi del Novecento – tutte le persone con disabilità in modo da poter esprimere una rappresentanza unitaria a livello nazionale ed internazionale.

La Federazione è organizzata con sedi provinciali e regionali su tutto il territorio nazionale che ne assicurano la gestione. In Umbria è presente la FAND Umbria ONLUS.

Fa parte del European Disability Forum (EDF) ed è membro di varie Commissioni ministeriali.

La FAND promuove anche iniziative legislative in favore del mondo della disabilità quali: la raccolta di un milione di firme presentate al Parlamento europeo per l’inserimento della normativa in merito alla disabilità nella legislazione europea, la richiesta dell’adeguamento delle pensioni e delle altre prestazioni economiche in favore delle persone con disabilità, la richiesta di adeguamento del nomenclatore tariffario dei presidi ortopedici ed altre.

fibrosi cistica
«Malattia ereditaria, presente dalla nascita, caratterizzata da una predisposizione alle infezioni polmonari croniche e dall'incapacità di assorbire grassi e altre sostanze nutritive dagli alimenti».

(Da: www.edufamily.it).

FID
Vedere sotto la voce «Forum Italiano sulla Disabilità (FID)».
firma autentica
Vedere sotto «autenticità della firma».
firma autenticata
Vedere sotto «autenticità della firma».
fiscalmente a carico
La persona con disabilità può essere considerata «fiscalmente a carico» quando non percepisce un reddito annuo superiore a 2.840,51 euro e convive con il familiare che intende avvalersi delle agevolazioni fiscali e tributarie. Non costituiscono reddito le provvidenze assistenziali come le indennità, le pensioni o gli assegni erogati agli invalidi civili.
fisiatra
Il fisiatra è il medico specialista in fisiatria, colui che mette a fuoco le problematiche di natura funzionale che la persona presenta. Questo permette la determinazione di obiettivi che diventano la base su cui sviluppare il piano di trattamento terapeutico. Il fisiatra aiuta il paziente nella risoluzione dei problemi; per far ciò si avvale anche della collaborazione del fisioterapista, di importanza fondamentale nell'ambito di un'équipe multidisciplinare riabilitativa.
fisiatria

«La fisiatria è quella branca medica, anche detta Medicina Fisica e Riabilitazione, che abbraccia l'ortopedia, la neurologia, la cardiologia, la pneumologia, l'urologia, [...] ed anche la medicina estetica».

(Da: www.saluteok.it).

fisioterapia
Vedere «Fisioterapista».
fisioterapista

Il fisioterapista è un operatore sanitario che svolge, in modo autonomo o in collaborazione con altre figure sanitarie, interventi di prevenzione, di cura e di riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali conseguenti ad eventi patologici, a varia eziologia, congenita o acquisita. In riferimento alla diagnosi e alle prescrizioni del medico, il fisioterapista elabora, anche in équipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute della persona. Il fisioterapista pratica autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle persone con disabilità motorie, psicomotorie e cognitive. Le tecniche terapeutiche consistono in massaggi, manipolazioni, elettroterapia, ultrasuoni, termoterapia. Svolge anche attività riabilitativa di gruppo, ma per lo più individualmente. Aiuta ed incoraggia la persona all'esercizio del corpo e degli altri arti; ricorre alla pratica di movimenti passivi quando la persona non può spostarsi dal letto o non presenta alcuna funzionalità residua negli arti. Controlla e registra costantemente le condizioni e i miglioramenti della persona.

fleboclisi

 «Somministrazione endovenosa di una quantità elevata di liquidi o farmaci.»
 (Da: www.dica33.it)

foglio rosa
«Per esercitarsi alla guida bisogna essere in possesso della relativa autorizzazione, più comunemente chiamato "foglio rosa" che viene rilasciato a chi ha fatto domanda per sostenere l'esame per la patente di guida ed è in possesso dei requisiti psicofisici prescritti. Con il foglio rosa si è autorizzati ad esercitarsi alla guida dei veicoli per i quali è stata chiesta la patente e tale atto è valido per 6 mesi.»
(Da: www.vigileamico.it)
Forum Italiano sulla Disabilità (FID)

Il Forum Italiano sulla Disabilità (FID) nasce come processo di unificazione tra il Consiglio Italiano dei Disabili per i rapporti con l’Unione Europea (CIDUE) e il Consiglio Nazionale sulla Disabilità (CND). Il Forum rappresenterà le persone con disabilità italiane presso l'European Disability Forum (EDF).

Presidente del FID è Tommaso Daniele (presidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – UIC), vicepresidente è Claudio Puppo (presidente dell’Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti - ANGLAT). Giampiero Griffo (membro del Consiglio Mondiale di Disabled Peoples' International – DPI), è rappresentante del FID presso l’EDF, vice-rappresentante è Luisella Bosisio Fazzi (presidente del CND).

front office
 «Il front office è il luogo fisico dove il cittadino (…) entra in contatto con la Pubblica Amministrazione. E ' il luogo dove si concretizza realmente l'esperienza di servizio.» E’ il contrario di back office.
(Da: www.regione.emilia-romagna.it)
Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0