Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

ModalitÓ di funzionamento della Legge 68 per chi giÓ lavora

Pubblicato il 22/10/2014 - Letto 7649 volte
Ora spiego la mia situazione: sono invalida al 50% con riduzione permanente della capacitÓ lavorativa dal 34% al 73% (art. 2 e 13 L. 118/71 e art. 9 DL 509/88) per malattie riconosciute artrite reumatoide e sindrome di Sjogren. Sono part-time a 30 ore in un supermercato. Vorrei sapere se posso usufruire della legge 68/99, quali sono le mie mansioni lavorative e in che cosa vado incontro nell'ambito lavorativo se all'interno della struttura c'Ŕ giÓ del personale con queste limitazioni (17 dipendenti e 3 con questo handicap). Sono certa in una vostra risposta al pi¨ PRESTO e Vi ringrazio infinitamente
Orietta, 45 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, La informiamo che la Legge n. 68 del 12 marzo 1999 [link a sito esterno] tutela le persone con disabilitÓ (con percentuale di invaliditÓ civile pari o superiore al 46%) che devono entrare nel mondo del lavoro, in quanto, per ciascuno, cerca di realizzare un collocamento mirato.

Dal momento che Lei giÓ lavora, la Sua azienda dovrebbe licenziarla, dopodichÚ, Lei, essendo in stato di disoccupazione, dovrebbe iscriversi alle liste di collocamento mirato della Legge n. 68/1999; solo a quel punto, quindi, l'azienda potrebbe riassumerla come persona con disabilitÓ e avere delle agevolazioni fiscali.

Tenga presente, per˛, che le aziende con un personale compreso tra 15 e 35 dipendenti hanno l'obbligo di assumere una sola persona con disabilitÓ iscritta alle sopraddette liste di collocamento. Se le tre persone con disabilitÓ che lavorano nella Sua stessa azienda - cui Lei fa riferimento nella sua domanda - sono giÓ state assunte come persone iscritte al collocamento, l'azienda non ha alcun obbligo a riassumere Lei come categoria protetta.

Al di lÓ dell'opportunitÓ Sua e dell'azienda presso la quale lavora di procedere come descritto (cui non spetta a noi dare alcun tipo di parere), il collocamento mirato prevede che la persona con disabilitÓ:

  • risulti in stato di disoccupazione;
  • effettui la visita in Commissione Medica per la valutazione della disabilitÓ ai fini del collocamento;
  • si iscriva alle liste di collocamento presso il Centro per l'Impiego.


Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Servizio di Contact Center del Centro per l'Autonomia Umbro

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0