Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Ho difficoltà economiche, mi hanno rifiutato l'indennità di accompagnamento. Che fare?

Pubblicato il 9/02/2009 - Letto 1588 volte
Gentile esperto, vorrei chiedere se è possibile e come ottenere qualche tipo di aiuto economico dato che dal 2004 sono invalida civile al 100% (art. 6, D.L.vo 509/88) e disabile grave (L. 104, art. 3, c. 3). Nel mese di novembre 2008 ho inoltrato domanda di aggravamento alla ASL perché mi è stata riscontrata anche la malattia di Alzheimer in forma lieve-moderata, ma non mi è stata riconosciuta nessuna indennità di accompagnamento. Preciso che io non beneficio di alcuna pensione personale essendo stata sempre casalinga, mentre ricevo la pensione di reversibilità dal 1982 essendo vedova da allora. Ho la casa di proprietà e il mio reddito imponibile dichiarato è di Euro. 15.728,00, però da qualche anno non posso più vivere sola e abito da mia figlia che, per potermi accudire ha dovuto richiedere il part-time dove lavora. La situazione economica è sempre più difficile! Attendo sue notizie e la ringrazio per la disponibilità.
giuseppina, 84 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, La informiamo che il riconoscimento dell'invalidità civile prevede l'erogazione di provvidenze economiche in relazione alla percentuale riconosciuta ed a limiti reddituali: dal 74% al 99%, spetta l'assegno mensile di assistenza; con il 100% la pensione di inabilità. Nel caso in cui la Commissione Medica della ASL accerti che la persona con disabilità si trova nell'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, necessita di una assistenza continua, le erogherà l'indennità di accompagnamento, che non prevede limiti reddituali.

Nel Suo caso, poiché ha superato il limite reddituale previsto per l'erogazione della pensione di inabilità (100%), che per l'anno 2009 è pari a Euro 14.886,28, la provvidenza economica non viene erogata.

Dal momento che Lei ha presentato domanda per l'aggravamento e la Commissione Medica non ha modificato la valutazione iniziale, non riconoscendoLe l'indennità di accompagnamento, qualora Lei ritenga che tale giudizio non sia corrispondente alle Sue condizioni di salute, Le consigliamo di chiedere parere al Suo medico di fiducia per valutare la possibilità di presentare ricorso nelle modalità che trova nella scheda in Approfondimenti.

Ciò detto esaurisce l'erogazione di prestazioni economiche da parte della ASL. Dal momento che dalla Sua e-mail emergono altri bisogni, Le consigliamo di rivolgersi presso i Servizi Sociali della ASL dove potrà richiedere all'assistente sociale di riferimento una presa in carico che possa analizzare tutte le Sue necessità.


Approfondimenti

Scheda Contact Center: Ricorso contro il verbale della Commissione Medica della ASL.


Per ogni altra informazione, può contattarci telefonicamente al numero 0744 27.46.59.

Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Margherita Di Giorgio e Pierangelo Cenci
(Assistenti Sociali del Centro per l'Autonomia Umbro)

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0