Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Regione Umbria, Comune di Terni e la Convenzione ONU

Pubblicato il 16/12/2008 - Letto 1226 volte
In concomitanza con l'emanazione del disegno di legge per la ratifica della della Convenzione ONU da parte del Parlamento Italiano, anche gli enti locali prendono impegni nei confronti dei diritti delle persone con disabilitÓ. La Giunta regionale dell'Umbria ha approvato un piano di monitoraggio dei servizi socio-assistenziali nell'area degli adulti con disabilitÓ, mentre la Giunta Comunale di Terni ha proposto al Consiglio Comunale di aderire alla Convenzione stessa.

Approvato dalla giunta regionale dell'Umbria il piano di monitoraggio dei servizi socio-assistenziali nell'area degli adulti con disabilitÓ, con questo atto si estende ai 12 ambiti territoriali della regione la sperimentazione, giÓ avviata dal Comune di Terni, del metodo Agenda 22 propedeutico all'implementazione delle regole standard delle Nazioni unite per le persone con disabilitÓ. 

Le "Regole standard per il raggiungimento delle pari opportunitÓ per le persone con disabilitÓ" indicano le linee guida di base per le azioni dei governi e per la definizione di un Piano per le politiche sulla disabilitÓ caratterizzato dalla presenza di attivitÓ di monitoraggio e valutazione.

Il progetto pilota promosso dal Forum europeo, per sperimentare queste le Regole Standard ha riguardato otto Paesi europei tra i quali l'Italia, che ha partecipato all'iniziativa rappresentata dalla cittÓ di Terni.
Il campo di sperimentazione riguarda l'applicazione di cinque delle regole standard: riabilitazione, servizi di sostegno, accessibilitÓ, conservazione del reddito e previdenza sociale, vita familiare e integrita' personale.

La Giunta Comunale con la deliberazione n. 593 del 4 dicembre 2008 ha proposto al Consiglio Comunale, con un atto di indirizzo, di aderire alla Convenzione Internazionale dei Diritti delle persone con DisabilitÓ attraverso l'approvazione di un documento in cui si impegna a dare attuazione ai principi sanciti dalla Convenzione promuovendo i diritti e le pari opportunitÓ delle persone con disabilitÓ.

Il Consiglio dovrebbe assumere quindi l'impegno di sostenere a livello nazionale e regionale i processi di ratifica della Convenzione, di promuovere attivitÓ di sensibilizzazione, informazione e formazione finalizzate a diffondere una cultura che consideri la disabilitÓ come una delle umane diversitÓ, di impegnarsi attraverso specifici atti formali a dare concreta attuazione agli obiettivi posti nell'ambito delle attivitÓ del progetto Agenda 22.

In particolare, sulla base dell'esperienza pluriennale sviluppata con Agenda 22 il Consiglio dovrebbe impegnarsi per attivare un Osservatorio locale sulla condizione della persona con disabilitÓ per il monitoraggio del rispetto della Convenzione nelle politiche, programmi ed azioni al fine di realizzare un Piano per le Politiche sulla DisabilitÓ fondato sulla prospettiva dei Diritti Umani, che sia partecipato e condiviso con le persone con disabilitÓ e le loro organizzazioni.

Salta contenuti del piÚ di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformitÓ agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformitÓ agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformitÓ agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0