Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Nuovo Piano Sanitario Regionale: le proposte di FISH Umbria

Pubblicato il 9/03/2018 - Letto 1182 volte
Insediati i tavoli tematici di partecipazione per l'elaborazione di proposte per il Nuovo Piano Sanitario Regionale, la FISH Umbria Onlus presenta le sue proposte in Regione

Lo scorso 5 febbraio 2018 si sono insediati 12 Tavoli tematici nell'ambito del percorso di definizione del "Nuovo Piano Sanitario Regionale 2018-2020" della Regione Umbria. La volontÓ di favorire un'effettiva partecipazione delle associazioni del territorio, significa lavorare affinchÚ le politiche sociali e gli interventi da implementare siano coerenti ai bisogni e alle risorse presenti sul territorio regionale. L'intento Ŕ quello di costruire un percorso di partecipazione che promuova l'elaborazione di politiche sanitarie e socio-sanitarie secondo il modello bottom-up (dal basso verso l'alto), a garanzia dell'efficacia delle stesse.

I Tavoli tematici accolgono la partecipazione di vari soggetti interessati, trattando materie quali la disabilitÓ e la riabilitazione, la psichiatria, cure primarie ed assistenza, malattie croniche, dipendenze, cure palliative, prevenzione, rete ospedaliera, emergenza-urgenza, trapianti e sangue, tecnologie e telemedicina, ricerca e medicina di precisione, infanzia ed etÓ evolutiva. I Tavoli suddetti sono aperti alla partecipazione di rappresentanti e dirigenti delle UnitÓ Sanitarie Locali dell'Umbria e delle Aziende Ospedaliere, ai direttori di strutture complesse, ai sindacati, all' Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci sezione Umbria), al Forum del Terzo settore e alle associazioni.

Ai lavori dei Tavoli partecipa anche FISH Umbria Onlus nell'ambito delle materie di interesse e di sua competenza. Quale Federazione di Associazioni di persone con disabilitÓ, ha dato un significativo contributo presentando a seguito di una complessiva analisi del contesto regionale attuale in materia di politiche e servizi sanitari e socio-sanitari, le sue proposte al tavolo "DisabilitÓ e Riabilitazione". Nello specifico, la FISH Umbria Onlus, nelle sue proposte ha sottolineato la necessitÓ di garantire che i servizi offerti su tutto il territorio regionale siano appropriati e all'altezza delle aspettative e dei bisogni dei destinatari. Secondo FISH Umbria, tutto ci˛ Ŕ possibile solo attraverso una programmazione che tenga conto della normativa vigente, che in alcuni casi Ŕ rimasta del tutto o in parte inapplicata, e mediante una reale condivisione dell'impianto valoriale giÓ dettato dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilitÓ e dalle indicazioni operative contenute del Programma d'Azione Biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilitÓ.

Dopo aver rammentato alla Regione le criticitÓ derivanti dalla mancata o inadeguata applicazione di normative regionali e il conseguente rifiuto di presa in carico da parte dei Servizi Territoriali motivato dagli stessi come conseguenza della carenza, se non la totale mancanza, di figure professionali specializzate nell'ambito specifico, la FISH Umbria Onlus, mediante il contributo delle Associazioni afferenti alla Federazione, fa emergere che le problematiche del sistema socio-sanitario sono legate complessivamente ad una frammentazione dei servizi nei diversi territori regionali ed il perpetuarsi di una logica sanitarizzante e assistenzialistica della disabilitÓ, dimostrata da linguaggi e standard rigidi che non lasciano spazio ad un'effettiva personalizzazione degli interventi nel rispetto del diritto di scelta.

Non considerare gli effettivi obiettivi di vita della persona e l'evolversi dei suoi bisogni durante il corso della vita, significa costruire progetti ed interventi riabilitativi dispendiosi ed inefficaci. Detto ci˛, la Federazione avanza proposte per la programmazione del Nuovo Piano Sanitario, sottolineando la necessitÓ di rafforzare e mantenere uno strutturato confronto con le persone con disabilitÓ attraverso le specifiche organizzazioni rappresentative, con la definizione di sistemi di audit civico e di un meccanismo di garanzia che il cittadino possa attivare facilmente nel caso in cui si verifichino episodi di trattamenti discriminatori.

Per un approfondimento delle proposte formulate, si allega il Documento Proposte del Tavolo Tematico "DisabilitÓ e Riabilitazione" (documento in pdf) a cui FISH Umbria Onlus ha preso parte.

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0