Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » Focus »

LE NUOVE LINEE GUIDA PER LE CERTIFICAZIONI AI FINI SCOLASTICI E IL PROFILO DI FUNZIONAMENTO.

Pubblicato il 16/12/2022 - Letto 324 volte
Sono state pubblicate dal Ministero della Salute le nuove Linee Guida per la nuova certificazione di disabilità ai fini dell'inclusione scolastica e per il Profilo di Funzionamento sulla base dell'ICF previste dall'art. 5 comma 6 del D.Lgs. n° 66/17.

Già dal titolo dei capitoli si può capire il nuovo percorso previsto:

  • ACCERTAMENTO DELLA CONDIZIONE DI DISABILITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA AI FINI DELL'INCLUSIONE SCOLASTICA
  • ICD, ICF E IL MODELLO BIOPSICOSOCIALE ALLA BASE DELLA DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO
  • CERTIFICATO MEDICO DIAGNOSTICO-FUNZIONALE
  • VERBALE DI ACCERTAMENTO MEDICO-LEGALE
  • PROFILO DI FUNZIONAMENTO AI FINI DELL'INCLUSIONE SCOLASTICA

Rimandando alla lettura specifica dei capitoli del documento, si riporta parte della Premessa, che sintetizza e descrive le novità più rilevanti, già previste dal D.Lgs. n° 66/17 e rese concrete con le Linee Guida.

"Il decreto legislativo n. 66 del 2017 introduce nel percorso di accertamento dei bisogni dell'età evolutiva per l'inclusione scolastica alcune sostanziali novità, rispetto alle quali le presenti Linee Guida intendono costituire garanzia di uniformità interpretativa e operativa sul territorio nazionale:

  • una nuova composizione della commissione: l'art. 5, comma 2, lettera a) del decreto legislativo n. 66 del 2017, modificando l'art. 4 della legge n. 104 del 1992, individua specifiche competenze mediche specialistiche per l'accertamento dell'invalidità civile e dell'handicap, nel caso in cui gli accertamenti riguardino persone in età evolutiva;
  • un nuovo momento accertativo: l'art. 5, comma 2, lettera b) del decreto legislativo n. 66 del 2017, novellando il comma 5 dell'art. 12 della legge n. 104 del 1992, stabilisce che "Contestualmente all'accertamento previsto dall'articolo 4 per le bambine e i bambini, le alunne e gli alunni, le studentesse e gli studenti, le commissioni mediche di cui alla legge 15 ottobre 1990, n. 295, effettuano, ove richiesto dai genitori della bambina o del bambino, dell'alunna o dell'alunno, della studentessa o dello studente con disabilità, o da chi esercita la responsabilità genitoriale, l'accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell'inclusione scolastica. Tale accertamento è propedeutico alla redazione del profilo di funzionamento…";
  • una modalità valutativa che tenga conto dei criteri del modello biopsicosociale della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF), utile a fornire elementi per la descrizione dell'interazione fra un individuo con problemi di salute e i suoi limiti e potenzialità con la specificità del contesto reale in termini di barriere e facilitatori; il modello biopsicosociale della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF) come comune denominatore di tre processi sequenziali: descrizione del funzionamento, accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell'inclusione scolastica, redazione del Piano educativo individualizzato (PEI);
  • la predisposizione di nuovi documenti a cura delle Aziende sanitarie e dell'INPS:
    • il certificato medico diagnostico-funzionale che correda la domanda per l'accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell'inclusione scolastica;
    • il verbale di accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell'inclusione scolastica;
    • il profilo di funzionamento necessario ai fini della predisposizione del Piano educativo individualizzato (PEI), e parte integrante del Progetto individuale (PI), di cui all'articolo 14 della legge 8 novembre 2000, n. 328;
  • l'utilizzo di supporti informatici per la redazione dei nuovi documenti, finalizzato a garantire uniformità di forma e di contenuto sull'intero territorio nazionale;
  • la necessità di fare riferimento a due classificazioni internazionali dell'Organizzazione Mondiale della Sanita (OMS):
  • la Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD) e la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF);
  • la necessità di tenere concatenate e coerenti tra di loro la descrizione del funzionamento di bambine e bambini, alunne e alunni, studentesse e studenti e l'individuazione e l'articolazione delle misure di sostegno (fattori ambientali scuola: strumenti e strategie) indicate nel PEI."

L'emanazione da parte del Ministero della Salute di queste Linee Guida è certamente un altro passo in avanti la riforma dell'inclusione scolastica prevista dal D.Lgs. n° 66/17, anche se in realtà il Profilo di Funzionamento già era stato considerato dal D.I. n° 182/20 che ha emanato i nuovi modelli nazionali di PEI.

Vedi le LINEE GUIDA qui.

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0