Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Con il riconoscimento dell'indennità di accompagnamento mi sarà revocata la patente?

Pubblicato il 1/12/2008 - Letto 6644 volte
Salve vorrei sottoporla ad un quesito che non mi fa dormire sonni tranquilli: io sono stato riconosciuto invalido al 100%, poi nel 2007 mi hanno riconosciuto la 104 con la gravità (però senza assegno d'accompagno). Nel 2008 abbiamo fatto ricorso (tramite il patronato) ed ora essendomi sottoposto alla visita medica con il dottore nominato dal tribunale. Parlando con questo dottore mi fece capire che mi avrebbe fatto una relazione positiva, però ci potrebbe essere il rischio di una sospensione della patente di guida. Lei cosa ne pensa?
piero, 50 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, La informiamo che l'indennità di accompagnamento è una prestazione economica che viene erogata alle persone che, avendo già il riconoscimento dell'invalidità civile con percentuale pari al 100%, «si trovano nell'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore, oppure hanno necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita».

La relazione che sussiste tra l'indennità di accompagnamento e la revoca della patente di guida non è determinata dall'erogazione della prestazione in sé, ma dalla condizione di salute della persona. L'erogazione dell'indennità di accompagnamento, di per sé, infatti, non determina la revoca della patente di guida. Tuttavia, se le condizioni di salute della persona richiedente l'indennità sono tali da non consentire la possibilità di una guida in condizioni di sicurezza per sé o per gli altri, la patente potrà venire revocata.

La valutazione dell'idoneità alla guida spetta all'apposita Commissione Medica Patenti presso la ASL, la quale ha il compito di accertare le capacità di guida della persona, attraverso un'apposita visita. Le Commissioni Mediche Patenti si avvalgono del parere tecnico dei Centri di Mobilità che sono sorti a seguito del «Autonomy. Programma per la mobilità» della FIAT.

I Centri di Mobilità, il cui accesso è libero e non vincolato alla regione di appartenenza sono dotati di un simulatore di guida e di un circuito con auto multi-adattata in cui le persone con disabilità possono verificare la capacità di guida ed, eventualmente, quali dispositivi siano necessari per guidare in sicurezza.

Qualora fosse interessato ad effettuare la valutazione, potrà accedere liberamente al nostro Centro di Mobilità Umbro, previo appuntamento telefonico.


Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Servizio di Contact Center del Centro per l'Autonomia Umbro

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0