Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Il mio accompagnatore ed io abbiamo diritto al rimborso delle spese di vitto e alloggio, visto che sono ricoverato per cure all'estero?

Pubblicato il 13/06/2008 - Letto 3016 volte
Salve, sono a Parigi per un ricovero ospedaliero con un problema: nonostante ci sia un modello E 112 di autorizzazione al ricovero con accompagnatore l'ASL Ce/2 mi ha negato il rimborso per le ricevute di vitto perché non sono indicate come fatture e soprattutto perché non contengono la menzione dei dati dello scrivente. Sto provando a chiedere nei posti dove mangio, nei pressi dell'Ospedale per lo più catene di ristoranti con grande distribuzione, la risposta è che non possono preparare la fattura come richiesta dall'ASL, che fare?
Pietro, 42 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, La informiamo che la normativa europea sull'argomento è la seguente: quando un cittadino dell'Unione Europea (UE) si reca in un altro paese dell'UE per ottenere cure ospedaliere ed è accompagnato da una persona, la copertura dei costi di viaggio, vitto e alloggio per l'assistito e la persona che lo accompagna dipende dalle modalità di copertura di tali costi nel paese in cui si è assicurati.

Vediamo le legislazione italiana a favore delle persone con disabilità. Le spese di soggiorno all'estero per cure in alberghi o strutture collegate con i centri di altissima specializzazione all'estero, per i cittadini italiani con disabilità che hanno il riconoscimento dello stato di handicap in situazione di gravità (ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della Legge n. 104/1992) e per il loro accompagnatore, sono equiparate alla degenza ospedaliera, qualora non sia prevista l'ospedalizzazione in costanza di ricovero per tutta la durata degli interventi autorizzati.

In questo caso, le spese di soggiorno dell'accompagnatore possono essere rimborsate dietro dichiarazione da parte della struttura ospedaliera che attesti la necessità della presenza di tale accompagnatore durante la degenza del paziente.

Veniamo alla modalità di ottenimento dei rimborsi. Le Regioni riconoscono il contributo in misura diversa a seconda del reddito del nucleo familiare. La domanda, da presentare entro tre mesi dall'effettuazione dell'ultima spesa sostenuta, deve essere indirizzata alla ASL di appartenenza e deve contenere:

  • fatture delle spese sanitarie debitamente quietanzate e autenticate dalle competenti autorità Consolari;
  • fatture per le spese di soggiorno (vitto e alloggio);
  • spese di viaggio del mezzo preventivamente autorizzato.

Nel Suo caso specifico, la struttura estera in cui è ricoverato deve indicare quali sono le spese coperte dall'E112 e quali sono, invece, le spese a Suo carico. Dopodichè, deve presentare alla Sua ASL di appartenenza una domanda per l'autorizzazione delle spese non coperte dall'E112.


Normativa di riferimento


Glossario


Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Servizio di Contact Center del Centro per l'Autonomia Umbro

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0