Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Chi ha potere di decidere quali adattamenti sono necessari in caso di discordanza tra quello che è scritto sulla patente e quello che dice la normativa?

Pubblicato il 3/04/2014 - Letto 907 volte
Gentili Signori, vorrei alcuni chiarimenti rispetto al codice PS nella mia patente. Ho la patente dal 1975 e all'epoca mi fu dato il codice PS (Servosterzo e pomello). Dal momento che la dizione della legge prevede l'uso del pomello solo "se necessario", vorrei capire come mai l'officina che allestisce i comandi, al contrario, ritiene che io debba installare anche il pomello. Io non voglio eludere ciò che non può essere evitato, ma non fare ciò che è assolutamente inutile visto che da ben 40 anni guido solo con la modifica dei comandi ausiliari (spesso anche auto senza modifica), senza problemi e - soprattutto - senza fare incidenti riconducibili all'assenza del famigerato "pomello". Anzi, dirò di più, io guido solo con la sinistra, mentre il braccio desto, al volante, lo utilizzo solo in manovra e per il cambio delle marce. Se è perciò ancora vero che "tempus regit acta", come fare per far attribuire alle parole il loro giusto significato? Grazie
Alfredo, 60 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, il problema deve essere posto in questi termini: da un lato, c'è una normativa che evolve e, dall'altro, c'è la Commissione Medica che, in caso di rinnovo della patente, non appone nuovi codici, ma continua ad utilizzare quelli iniziali (quindi, nel Suo caso, la patente presenta ancora il codice «PS» dal 1975, nonostante la legge sia cambiata).

La normativa più recente ha modificato i codici degli adattamenti all'auto. Nella fattispecie, il vecchio codice «PS» è stato sostituito e scisso in due nuovi codici numerici: «40.01» per il servosterzo e «40.11» per il "pomello" («protesi idonea per la presa del volante col braccio semivalido con adattamento del volante»).

Con i nuovi codici numerici non ci sarebbe alcun dubbio, perché verrebbe apposto sulla patente l'uno e/o l'altro.

Purtroppo, invece, con il vecchio codice che Lei possiede, essendo comprensivo di entrambi, l'equivoco sussiste: nel Suo caso, ad esempio, potrebbe risultare obbligatorio installare il servosterzo, ma non il pomello (o viceversa).

Il problema si può risolvere alla radice chiedendo informazioni a chi ha il compito istituzionale di collaudare le modifiche effettuate dalle officine autorizzate: la Motorizzazione.

Il consiglio che Le diamo è quello di presentare la Sua situazione alla Motorizzazione e, patente alla mano, chiedere se con il codice «PS» riportato Lei abbia l'obbligo di istallare anche il pomello, dal momento che - conformemente alla norma che ha istituito la dicitura riportata nella patente (quella del 1991) - questo deve essere istallato solo «se necessario».

La Motorizzazione valuterà se, nel Suo specifico caso, tale pomello sia effettivamente necessario o meno. Se Le darà ragione, l'officina non potrà, né dovrà istallare il pomello, pena inidoneità al collaudo.


Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Servizio di Contact Center del Centro per l'Autonomia Umbro

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0