Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Da quale percentuale di invalidità si può usufruire della Legge 104?

Pubblicato il 16/09/2011 - Letto 27196 volte
Salve, sono stata operata di carcinoma duttale infiltrante quindi quadrantectomia con dissezione ascellare e riposizionamento del capezzolo anche a sinistra ho eseguito radioterapia, ho rinunciato alla chemioterapia poiché ho scelto di fare terapia ormonale con blocco completo x 5 anni, ho fatto domanda di invalidità e mi è stato dato il 70, adesso ho fatto domanda per la 104 per 'me stessa' ma mi hanno già quasi detto che la danno a persone con problemi più gravi....io mi chiedo ma non è dal 70 che si può usufruire della 104 vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione grazie
mongelli, 45 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, La informiamo che il riconoscimento dello «stato di handicap» ai sensi della Legge n. 104/1992 nasce come accertamento sanitario indipendente da quello dell'«invalidità civile»: se questo mira ad accertare le condizioni cliniche della persone finalizzando ad individuare una riduzione della capacità lavorativa generica, il riconoscimento dello «stato di handicap» mira ad individuare lo svantaggio sociale e l'eventuale emarginazione conseguente alla patologia.

Una pessima abitudine delle Commissioni Mediche delle ASL ha portato ad attribuire una correlazione tra la percentuale di invalidità civile e lo «stato di handicap». In verità, ciò che dovrebbe essere collegato è l'influenza che una certa patologia ha nella vita lavorativa, sociale e di relazione di una persona. Una patologia che non dà di per sé diritto ad una percentuale alta, può richiedere molte visita di controllo, tali da giustificare la richiesta di permessi lavorativi previsti dalla legge (per i quali è necessario un riconoscimento dello «stato di handicap in situazione di gravità», ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della Legge n. 104/1992).

Questo aspetto naturalmente deve essere giudicato da chi di dovere, a partire dal medico curante e dal medico specialista che la segue.

Per questo motivo, prima di procedere con la domanda per l'accertamento, le consigliamo di recarsi presso il Servizio Sociale della Sua ASL o Comune per chiedere un appuntamento con l'assistente sociale con il quale stilare una relazione sociale in merito alle Sue difficoltà in campo lavorativo, relazione e così via. Questa relazione potrà essere allegata alla documentazione che produrrà durante la visita per l'«accertamento dello stato di handicap».


Approfondimenti

Leggi la Scheda Contact Center: «Accertamento dello stato di handicap».


Per ogni altra informazione, può contattarci telefonicamente al numero 0744 27.46.59. Le ricordiamo che il Servizio di Contact Center è aperto dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.00.

Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Anna Vecchiarini e Pierangelo Cenci
(Assistenti Sociali del Centro per l'Autonomia Umbro)

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0