Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Cosa fare quando la Commissione Medica della ASL non convoca a visita

Pubblicato il 18/03/2009 - Letto 4537 volte
Salve, ho presentato domanda di permessi per l'assistenza ai familiari in condizione di disabilità grave (mio padre malato di alzheimer è riconosciuto invalido al 100%) per l'ottenimento dei permessi di cui alla legge 104/92. Ho presentato domanda alla ASL di competenza nell'agosto 2007. Mio padre è stato invitato a presentarsi ad una visita medica nel novembre 2008 (dopo oltre un anno), presso la commissione medica. Nella domanda che avevo presentato era stata allegata la documentazione del medico curante di mio padre in cui si dichiarava l'assoluta impossibilità di mio padre a muoversi e pertanto veniva richiesta la visita domiciliare da parte della commissione medica. A novembre 2008 è stata quindi ribadita la necessità della visita medica domiciliare ma da allora non abbiamo avuto più notizie. Cosa devo fare? Cosa posso fare? Per favore aiutatemi ad uscire da questo tunnel di burocrazia e a vedere riconosciuto il diritto ai permessi, ne ho davvero bisogno e non so più come fare. Grazie.

Suggerimenti

Gentile Utente,
in merito alla Sua richiesta di Advocacy, La informiamo che dal momento che sono trascorsi più di tre mesi dalla data di presentazione della domanda e non è stata ancora fissata la data per la visita di accertamento dello «stato di handicap», Lei può presentare una diffida all'Assessorato alla Sanità della Sua Regione, ai sensi del DPR 698/1994 (articolo 3, comma 1) che deve essere redatta in carta libera, inoltrata con Raccomandata A.R. L'Assessorato dovrà fissare la visita di accertamento entro 90 giorni dalla data della diffida. Se, anche a seguito della diffida, non dovesse aver luogo la visita di accertamento, ha diritto a procedere al ricorso giudiziale.

In merito ai permessi lavorativi, La informiamo che la Legge n. 423/1993, prevede che qualora la Commissione Medica della ASL non si pronunci entro 90 giorni dalla presentazione della domanda, l'accertamento può essere effettuato provvisoriamente dal medico specialista in servizio presso la ASL. Tale accertamento provvisorio produce effetti solo ai fini della concessione dei permessi lavorativi previsti dall'articolo 33 della Legge 104/1992, sino all'emissione del verbale da parte della Commissione Medica della ASL.


Approfondimenti

Scheda: Fac-simile diffida contro la mancata convocazione a visita


Normativa

Decreto del Presidente della Repubblica n. 698 del 21 settembre 1994, «Regolamento recante norme sul riordinamento dei procedimenti in materia di riconoscimento delle minorazioni civili e sulla concessione dei benefici economici» (collegamento a sito esterno).

Legge n. 423 del 27 ottobre 1993, «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 27 agosto 1993, n. 324, recante proroga dei termini di durata in carica degli amministratori straordinari delle unità sanitarie locali, nonché norme per le attestazioni da parte delle unità sanitarie locali della condizione di handicappato in ordine all'istruzione scolastica e per la concessione di un contributo compensativo all'Unione italiana ciechi» (collegamento a sito esterno).

Legge n. 104 del 5 febbraio 1992, «Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate» (collegamento a sito esterno).


Per ogni altra informazione, può contattarci telefonicamente al numero 0744 27.46.59.

Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Margherita Di Giorgio e Pierangelo Cenci
(Servizio di Advocacy del Centro per l'Autonomia Umbro)

Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0