Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Comunicato FISH. Un disabile su tre perderÓ l'assistenza

Pubblicato il 20/09/2011 - Letto 2054 volte
(19 settembre 2011). Lo stato di mobilitazione delle associazioni delle persone con disabilitÓ Ŕ stato formalizzato dal Consiglio direttivo della FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap al termine della intensa riunione di sabato scorso.

Non poteva essere altrimenti dopo l'approvazione della seconda Manovra e soprattutto in attesa della discussione parlamentare della delega al Governo per la riforma fiscale e assistenziale.

La FISH ha valutato con forte preoccupazione le drammatiche prospettive di vita per le persone con disabilitÓ. Da subito ci sono i tagli agli enti locali.

Dal 2012 la riforma dell'assistenza e del fisco farÓ il resto, visto che le due Manovre impongono un taglio di 40 miliardi in tre anni. Saranno colpite le pensioni di invaliditÓ, le indennitÓ di accompagnamento, le pensioni di reversibilitÓ.

Al contempo non esiste pi¨ il Fondo per la non autosufficienza e quello per le Politiche sociali Ŕ ridotto a 69 milioni per il 2012 e a 44 per il 2013, salvo ulteriori riduzioni.

╚ diffusa la consapevolezza - non solo fra le associazioni - che la riforma assistenziale non Ŕ rivolta a migliorare e qualificare i servizi, ma solo ad applicare quanto stabilito nelle Manovre (recuperare 40 miliardi). Pertanto gli spazi di confronto e discussione sono praticamente nulli.

"La FISH ha deliberato di non presentare emendamenti di merito sulla delega. - ha riportato Pietro Barbieri a margine del Direttivo - Le persone con disabilitÓ e i loro familiari non sono i privilegiati, ma anzi hanno un enorme credito verso la societÓ."

Gli emendamenti alla riforma saranno quindi analoghi a quelli presentati per la Manovra: no ai tagli ed anzi rilancio di un finanziamento adeguato e strutturale alle politiche sociali di cui il nostro Paese ha ancore maggiore necessitÓ in un momento di crisi.

"La prospettiva Ŕ lampante. Grazie ai tagli agli enti locali una persona su tre perderÓ i servizi sociali. E grazie alla riforma assistenziale un'altra persona su tre perderÓ l'indennitÓ di accompagnamento. - annota Barbieri - Senza considerare l'effetto dei tagli sulle agevolazioni fiscali che peserÓ su milioni di famiglie italiane."

Manifestazioni, proteste eclatanti, iniziative di informazione saranno messe in atto nella capitale e nel resto del Paese da subito e proseguiranno per tutta la discussione della legge delega, della legge di stabilitÓ e della probabile terza manovra.

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0