Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Il punto sulla Vita Indipendente in Europa nell'Assemblea Generale di ENIL Europa

Pubblicato il 5/10/2010 - Letto 2460 volte
Si Ŕ svolta dal 20 al 22 settembre a Strasburgo l'Assemblea Generale di ENIL Europa (European Network on Independent Living), l'organismo che ha dato vita al movimento continentale per la Vita Indipendente. Rappresentanti di cinquanta Paesi europei si sono confrontati sullo stato di realizzazione della Vita Indipendente, anche alla luce della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con DisabilitÓ.

Tracciato il quadro della situazione attuale in ognuno dei paesi coinvolti, sono state individuate le azioni future per promuovere la Vita Indipendente delle persone con disabilitÓ in Europa. A Strasburgo si sono ritrovate persone con disabilitÓ provenienti da Svezia, Norvegia, Olanda, Inghilterra, Irlanda, Italia, Francia, Spagna, Germania, Belgio, Slovenia, Bulgaria, che da oltre vent'anni si battono perchÚ si comprenda che la chiave per una vita indipendente si trova nell'assistenza personale.

Tra i primi obiettivi che ENIL Europa si prefigge per il futuro, ci sono la de-istituzionalizzazione delle persone con disabilitÓ, le pari opportunitÓ e una Direttiva Europea che preveda la possibilitÓ di scelta dell'assistenza personale in ogni nazione, all'interno della gamma dei servizi sociali destinati alle persone con disabilitÓ.

Durante l'ultimo dei tre giorni, le prioritÓ sono state ribadite in un incontro presso il Parlamento Europeo, alla presenza del presidente del Disability Intergroup dell'EDF (European Disabilities Forum).

Per quanto riguarda la situazione della Vita Indipendente nel nostro Paese, Germano Tosi di ENIL Italia scrive in Superando.it: "Siamo noi [persone con disabilitÓ] a dover fare da portavoce a livello locale, comunale e regionale e - con l'aiuto dei comitati e delle associazioni che da anni lavorano e sono attive su questa linea di intenti - richiedere, reclamare e sostenere il proprio diritto a una vita indipendente possibile con l'assistenza personale. Questo sulla base della Costituzione Italiana (articoli 2, 3 e 188), della Legge 162/98 (articolo 39, comma l/ter), della Legge 67/06 e della Convenzione ONU (articolo 19), ratificata in Italia con la Legge 18/09".

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0