Ricerca avanzata
Menų
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Maxi-emendamento approvato in Senato. Ottimi i risultati prodotti dall'intervento congiunto di FISH e FAND nazionali sull'articolo in materia di disabilitā

Pubblicato il 15/07/2010 - Letto 1511 volte
Tutto č iniziato a fine maggio, con la presentazione del testo della Manovra economica. In pericolo i diritti delle persone con disabilitā: in particolare si č temuto per l'accesso all'indennitā di accompagnamento e per l'innalzamento della percentuale minima di invaliditā riconosciuta per ottenere l'assegno mensile. La FISH e la FAND si sono unite a livello nazionale e hanno ottenuto risultati insperati: il testo del maxi-emendamento č stato approvato ieri in Senato con le modifiche proposte.

Ne abbiamo sentite tante, nei giorni precedenti il 31 maggio, in cui č stato reso pubblico il testo del decreto-legge "recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivitā economica". Tante ne sentiamo in questi giorni, e ne continueremo a sentire fino al 30 luglio.

Il contenuto dell'articolo 10 della Manovra economica, che riguarda i provvedimenti sulla "riduzione della spesa in materia di invaliditā", ha suscitato lo sdegno e l'azione congiunta di FISH (Federazione Italiana Superamento Handicap) e FAND (Federazione Associazioni Nazionali Disabili), che hanno immediatamente proclamato lo stato di mobilitazione.

Per giorni si č ripetuto lo stesso schema: sventato un emendamento era subito necessario vigilare su quello successivo.

Le interrogazioni e proposte, gli incontri a livello istituzionale voluti dalle due Federazioni, affiancate da una campagna informativa, in questi giorni hanno ottenuto un effetto straordinario, culminato con il successo della manifestazione del 7 luglio a Monte Citorio. Le persone con disabilitā sono scese in piazza non come malati, ma come cittadini.

Un'azione politica efficace, quella di FISH e FAND nazionali, da trasferire anche a livello territoriale.

Solo un paio di giorni fa č stato proposto l'ennesimo emendamento balordo, fortemente contrastato dalle due Federazioni, riguardante l'ambito scolastico: si parlava di innalzare a 30 il numero degli alunni nelle classi dove ci fosse un bambino con disabilitā (oggi il massimo č 20). Per fortuna questo non č stato incluso nel testo del maxi-emendamento approvato ieri in Senato.

Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformitā agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformitā agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformitā agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0