Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Umbria. Il Consiglio regionale impegna la Giunta a ridurre i tempi di attesa per l'erogazione dei servizi assistenziali

Pubblicato il 25/07/2014 - Letto 1341 volte
Pubblichiamo la Delibera in cui il Consiglio regionale impegna la Giunta nel portare avanti una serie di iniziative volte a ridurre i tempi di attesa per l'erogazione dei servizi assistenziali e ad implementare interventi di assistenza domiciliare integrata per le persone con disabilitÓ riconosciute non autosufficienti

Il 23 giugno scorso, la III Commissione consiliare permanente - organo del Consiglio regionale umbro - ha presentato una proposta di risoluzione (Atto n. 1575) riguardante i tempi di attesa per l'erogazione dei servizi assistenziali previsti dalla Legge Regionale n. 9 del 4 giugno 2008 sull'istituzione del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza.

La Legge Regionale n. 9/2008 ha come obiettivo principale quello di incrementare - mediante l'erogazione di una serie di pacchetti/prestazioni - il sistema di protezione sociale delle persone con disabilitÓ riconosciute non autosufficienti e delle relative famiglie, cercando di favorire la permanenza nel proprio nucleo familiare e accrescendo le opportunitÓ di sviluppo psico-sociale delle persone con disabilitÓ (sulle critiche rispetto alla modalitÓ di erogazione dei pacchetti/prestazioni della Legge Regionale n. 9/2008, si legga qui quanto a suo tempo sostenuto dalla FISH Umbria ONLUS - Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap).

Mentre la III Commissione lavorava sulla risoluzione, il Consiglio regionale, dal canto suo, avendo il dovere di analizzare le relazioni annuali circa lo stato di attuazione della Legge Regionale n. 9/2008, ha considerato che:

  • i dati analizzati a disposizione si riferivano alla verifica di attuazione del Piano Regionale Integrato per la Non Autosufficienza (PRINA) per il solo triennio 2009-2011, in quanto il nuovo PRINA, ad oggi, non Ŕ stato ancora adottato dalla Giunta regionale.
  • l'erogazione dei servizi previsti dalla legge presenta una forte disomogeneitÓ territoriale tra le varie Aziende Sanitarie Locali e i diversi Distretti socio-sanitari.

Il Consiglio regionale, adottata la risoluzione della III Commissione, con Deliberazione dell'Assemblea legislativa n. 332 del 1░ luglio 2014, sollecita la Giunta ad adempiere a diversi compiti.

In primo luogo, la Giunta viene impegnata ad inviare relazioni che rispettino i tempi di rendicontazione all'Assemblea e che contengano dati aggiornati e puntuali in merito:

  • al dato relativo alle persone con disabilitÓ riconosciute non autosufficienti in Umbria (distinto per tipologia di fabbisogno e livelli di gravitÓ);
  • alla situazione di applicazione delle prestazioni rispetto alle Zone Sociali o ai Distretti socio-sanitari, mettendo in evidenza, per ciascuno di essi, le aree di intervento per gruppi di popolazione, tipologia di prestazioni e la relativa spesa;
  • alla spesa media distinta per prestazioni e misure economiche e livelli di gravitÓ.

In secondo luogo, il Consiglio impegna la Giunta ad individuare soluzioni organizzative in grado di ridurre i tempi di attesa per l'erogazione dei servizi assistenziali con il fine di garantire risposte tempestive.

Altro impegno Ŕ quello di strutturare un sistema di controllo e monitoraggio sull'erogazione dei servizi e del livello di qualitÓ delle prestazioni rese attraverso indagini che rendano conto del grado di soddisfacimento dei bisogni delle persone con disabilitÓ riconosciute non autosufficienti e dei familiari che vivono con loro (sorprende che, per questa tipologia di impegno, non venga nemmeno menzionato l'Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilitÓ, organo della Regione Umbria che ha proprio lo scopo di elaborare questo tipo di indagini e monitoraggi al fine di valutare l'impatto che le varie politiche e servizi hanno sulla vita delle persone con disabilitÓ).

Ultimo impegno, infine, Ŕ quello di indirizzare maggiori risorse a sostegno della domiciliaritÓ, tramite l'implementazione di interventi di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), sia di natura socio-sanitaria che sociale, e azioni di sostegno anche economico alle famiglie come il miglioramento delle condizioni di salute e benessere della persona con disabilitÓ riconosciuta non autosufficiente e delle relative famiglie.

Salta contenuti del piÚ di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformitÓ agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformitÓ agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformitÓ agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0