Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Intendono formare 2 classi di 30 alunni perchŔ ritengono l'handicap di mia figlia non grave. Esiste legislazione in merito che eviti questo?

Pubblicato il 6/07/2009 - Letto 937 volte
Ho iscritto mia figlia affetta da epidermolisi bollosa distrofica di 3 anni alla scuola materna. Intendono formare 2 classi di 30 alunni perchŔ ritengono l'handicap di mia figlia non grave, non trattandosi di un handicap psichico. Chiedo cortesemente se esiste legislazione in merito che eviti questo numero esagerato di alunni per classe. Distinti saluti. Grazie.
Elena, 39 anni

Risposta

Gentile Utente,
in merito al quesito da Lei posto, La informiamo che il problema deve essere correttamente inquadrato circa le responsabilitÓ dei soggetti coinvolti o da coinvolgere. Il compito di definire la gravitÓ della patologia di Sua figlia non spetta, in prima istanza, alla scuola, ma alla Commissione Medica della ASL al momento dell'accertamento dello stato di handicap (Legge n. 104/1992).

Solo se la Commissione Medica ha riconosciuto a Sua figlia lo źstato di handicap in situazione di gravitÓ╗ (articolo 3, comma 3, Legge 104/1992), la scuola Ŕ tenuta ad applicare la normativa per gli alunni con disabilitÓ (ossia la Legge 104 stessa), che riguarda, tra le altre cose, la riduzione del numero di alunni per classe in presenza di un alunno con disabilitÓ.

Qualora Sua figlia abbia giÓ il riconoscimento dello źstato di handicap in situazione di gravitÓ╗, ma la scuola si sia avvalsa della possibilitÓ di deroga al numero limite per classe (cosa che, purtroppo, la normativa prevede), Le consigliamo di appellarsi, qualora ce ne siano i presupposti, alle regole di sicurezza degli edifici, con particolare riguardo ai metri quadri previsti per ciascun alunno (in Approfondimenti troverÓ un focus da noi curato sull'argomento).


Approfondimenti

Focus: źScuola: no al sovraffollamento nella composizione delle classi╗.


Per ogni altra informazione, pu˛ contattarci telefonicamente al numero 0744 27.46.59.

Nella speranza di aver fornito una risposta chiara ed esaustiva, inviamo cordiali saluti,
Margherita Di Giorgio e Pierangelo Cenci
(Assistenti Sociali del Centro per l'Autonomia Umbro)

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0