Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

"#DammiPi¨Voce". Da Jovanotti a Sharon Stone con CoorDown per i diritti

Pubblicato il 21/03/2013 - Letto 1402 volte
"#DammiPi¨Voce" Ŕ l'iniziativa lanciata da CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down) ed Ŕ una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per difendere i diritti delle persone con sindrome di Down. I personaggi famosi rispondono ad una richiesta semplice dei giovani con sindrome di Down: un video per amplificare la loro voce, quella di chi chiede che non siano dimenticati i diritti per tutti, a cominciare da oggi, 21 marzo, Giornata Mondiale delle Persone con Sindrome di Down.

Homepage dell'iniziativa Dammi pi¨ voce"#DammiPi¨Voce" (hashtag - parola chiave - per condividere la campagna anche su Twitter) Ŕ l'iniziativa lanciata dal CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down).

╚ un nuovo modo di fare una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per difendere i diritti delle persone con sindrome di Down. L'idea Ŕ venuta ai creativi di Saatchi & Saatchi, agenzia pubblicitaria che giÓ aveva collaborato alla campagna di CoorDown del 2012, guidati da Agostino Toscana: ragazzi e ragazze con Sindrome di Down pongono una richiesta ad un personaggio famoso e questo risponde con un video che ha lo scopo di amplificarne la voce sul web, al fine di non far dimenticare i diritti fondamentali delle persone con disabilitÓ.

I video sono tutti raccolti nel sito dell'organizzazione e ognuno parte da quello dei ragazzi e delle ragazze, per arrivare a quello del personaggio famoso. Tra questi, c'Ŕ il cantante Lorenzo Jovanotti, il "MasterChef" Carlo Cracco, l'allenatore JosÚ Mourinho, c'Ŕ anche l'attrice Sharon Stone e tanti altri.

źIn Italia - Ŕ il messaggio dell'iniziativa -, sono purtroppo ancora innumerevoli i casi in cui, a causa dei pregiudizi, le persone con Sindrome di Down si vedono negare dei diritti fondamentali, come un giusto sostegno scolastico, i necessari interventi riabilitativi, l'opportunitÓ di svolgere un lavoro proficuo o addirittura la possibilitÓ di divertirsi come i loro coetanei. Con maggiori fondi a disposizione, sarebbe possibile affermare i loro diritti attraverso l'avvio di azioni di tutela, progetti di inclusione e di autonomia e una migliore attivitÓ di informazione╗.

I fondi raccolti con la campagna di quest'anno serviranno per sostenere la tutela anche giuridica dei diritti, in particolare in Ómbito scolastico e lavorativo, e a sviluppare capacitÓ di vita autonoma.

La Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down ("#WDSD2013", altro hashtag Twitter che sta per il World Down Syndrome Day), giunta all'ottava edizione, Ŕ un appuntamento internazionale, sancito ufficialmente anche dalle Nazioni Unite nel 2012, nato per diffondere una maggiore consapevolezza e conoscenza sulla Sindrome di Down, per creare una nuova cultura della diversitÓ e per promuovere il rispetto e l'integrazione nella societÓ di tutte le persone con Sindrome di Down.

La scelta della data del 21 marzo non Ŕ casuale: la Sindrome di Down, infatti, detta anche trisomia 21, Ŕ caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in pi¨ (tre invece di due) nella coppia cromosomica n. 21 all'interno delle cellule.

Vai al sito di "#DammiPi¨Voce" (link a sito esterno).

Salta contenuti del piÚ di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformitÓ agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformitÓ agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformitÓ agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0