Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

L'agricoltura sociale e gli orti mobili

Pubblicato il 21/12/2012 - Letto 1755 volte
I progetti di agricoltura sociale sono iniziative valide per quanto riguarda l'integrazione e la riabilitazione delle persone con disabilità psichica attraverso il lavoro della terra e il recupero del contatto con la natura. Arrivano anche gli "orti mobili", pensati appositamente per le persone con disabilità fisica che hanno difficoltà di entrare in serra; l'idea è quella di favorirne l'utilizzo nei centri semi-residenziali.

Visto il successo dei progetti di agricoltura sociale, la cooperativa Actl pensa adesso all'utilizzo degli "orti mobili" - vasche realizzate con materiali di recupero da riempire con terra e adibire quindi alla coltivazione - per le persone con disabilità fisica ospiti di centri semi-residenziali. Presso la comunità terapeutico-riabilitativa Koinè essi vengono già utilizzati, secondo il modello "Metalmezzadro" presentato al Festival dell'Architettura.

«Abbiamo tanti micro-progetti di agricoltura sociale - spiega Loredana Scriccia, dirigente della cooperativa Koinè- con cui valutiamo anche quelle che sono le attività più congeniali per ciascuno. Ci siamo resi conto, ad esempio, che un paziente che in serra non riusciva a inserirsi, si è trovato benissimo nella raccolta delle olive. Ce ne è un altro che si sta dimostrando molto bravo nella vendita dei prodotti e in generale nella gestione dei rapporti con l'esterno».

Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0