Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Comunicato FISH. Italia: 23 euro l'anno per i disabili

Pubblicato il 18/10/2012 - Letto 2430 volte
(18 ottobre 2012.) Con 438 euro pro-capite annui, l'Italia si colloca molto al di sotto della media dei Paesi dell'Unione Europea (531 euro) nella graduatoria delle risorse destinate alla protezione sociale delle persone con disabilitÓ.

Non Ŕ un fulmine a ciel sereno il dato che il Censis presenta nella sua indagine sui bisogni e i diritti ignorati delle persone con disabilitÓ.

In Francia si arriva a 547 euro all'anno, in Germania a 703 euro, nel Regno Unito a 754 euro, e solo la Spagna (395 euro) si colloca pi¨ in basso del nostro Paese.
In Italia la spesa media pro-capite per i servizi ai disabili Ŕ di 23 euro l'anno. La media europea Ŕ cinque volte tanto (125 euro). Meno della metÓ della Spagna (55 euro). Meno di un decimo della Germania (255 euro).

"Sono anni che denunciamo - inascoltati! - questa gravissima situazione, raccogliendo silenzio ed indifferenza. E annotando, anno dopo anno, la progressiva inesorabile regressione delle risorse a disposizione del sociale. E con esse una deriva caritatevole delle politiche".

Lo denuncia Pietro Barbieri, presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, proseguendo: "Il disegno di legge di StabilitÓ prosegue inesorabilmente nel solco segnato da chi ci ha governato negli ultimi anni, sul tracciato della convinzione che la spesa sociale sia un costo improduttivo da comprimere ed eliminare. Non troviamo alcuna nuova risorsa aggiuntiva nemmeno in questa manovra, mentre nel Paese sale una disperata e sempre pi¨ diffusa protesta".

Il 31 ottobre a Roma si terrÓ una grande mobilitazione (40 associazioni dell'impegno civile hanno giÓ aderito) che non a caso ha assunto la denominazione "Cresce il welfare, Cresce l'Italia!". Ma le manifestazioni sono giÓ diffuse in tutta Italia.

A Roma il Comitato 16 novembre manifesta giÓ da giorni, con presidi e scioperi della fame, per richiedere adeguate e certe risorse per i disabili gravissimi e contributi per garantire la permanenza dignitosa presso la propria abitazione.

Oggi Ŕ il 18░ giorno di sciopero della fame di Giovanni Battista Pesce, segretario nazionale dell'Associazione Italiana Contro l'Epilessia, che protesta contro il "Decreto Balduzzi" che rende oneroso l'acquisto di due farmaci antiepilettici (Keppra-UCB e Topamax-Janssen-Cilag), allargando successivamente l'iniziativa al rispetto del diritto di tutte le persone affette da patologie croniche e invalidanti.

"A queste e alle altre iniziative di appassionata e disperata protesta civile la FISH esprime tutta la propria solidarietÓ e il proprio sostegno - rassicura Barbieri - Ci sconforta il silenzio e la disattenzione di chi ci governa che dovrebbe conoscere i dati e i fatti, se non le situazioni personali, tanto quanto sono noti a noi".

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0