Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Il "Libro nero sul welfare italiano"

Pubblicato il 11/11/2011 - Letto 1123 volte
Pubblicato dalle Campagne "I diritti alzano la voce" e "Sbilanciamoci", il "Libro nero sul welfare italiano" è stato presentato lo scorso 3 novembre al Senato. Il documento intende analizzare "come il Governo italiano - con le manovre economico-finanziarie e la legge-delega fiscale e assistenziale - sta distruggendo le politiche sociali e azzerando la spesa per i diritti". All'interno del testo non mancano proposte per difendere e rinnovare il welfare.

Il dossier parte da una riflessione sulla grave crisi economica dell'Italia, individuandone le cause e non le conseguenze, nella disuguaglianza economica.  «Solo attraverso una efficace redistribuzione del reddito, nuove regole in ambito economico e finanziario, l'innovazione di produzioni e consumi (sostenibili, equi, di qualità sociale) e solo attraverso un ruolo nuovo e più attivo dell'intervento pubblico volto a stimolare una nuova domanda di beni sociali e collettivi (tra cui quelli di un welfare universalistico), la crisi può essere arginata».

Il testo analizza nel particolare i tagli al sociale e alla sanità previsti nella legge di stabilità e nelle manovre correttive del 2011, valuta gli impatti dei tagli sugli enti locali e sui servizi ai cittadini, esamina la delega al Governo per la riforma fiscale e assistenziale in discussione alla Camera.
Vengono inoltre avanzate proposte per un nuovo welfare, illustrando le direttrici da seguire e fornendo i criteri per valutare "cosa finanziare e come trovare i soldi".

Ecco alcune tra le varie proposte:

  • la definizione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni Sociali (LIVEAS) così come previsto dalla legge 328
  • ripristinare il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, ormai sostanzialmente azzerato
  • la determinazione dei profili delle professionalità sociali, come previsto sempre nella legge 328
  • attuare una riforma fiscale che attui un decentramento sulla base dei bisogni di ciascun territorio
  • la costituzione di Fondi Regionali per le politiche sociali, per l'infanzia e l'adolescenza, per la non autosufficienza e per le politiche a favore delle famiglie, in applicazione ai Piani nazionali di settore.

«Il welfare è un investimento, non una spesa»
Un buon motivo per investire nel welfare, secondo i promotori delle Campagne ""I diritti alzano la voce"- cui aderisce anche la FISH - e "Sbilanciamoci", è proprio la crisi. In Italia, si legge nel dossier, non è vero che si spende poco per le politiche sociali; la verità è che si spende meno rispetto alla media europea per i giovani, i servizi per l'infanzia, la famiglia, la casa, la scuola e per le politiche "assistenziali" in genere. Ed è proprio la fragilità della coesione sociale, delle relazioni sociali, dei servizi pubblici volti a soddisfare i diritti costituzionalmente garantiti, secondo gli autori, un ulteriore motivo di impoverimento.

Il welfare dovrebbe, al contrario, diventare anche uno strumento per rendere la nostra economia più competitiva, di qualità, innovativa; infatti «un buon sistema di welfare e una buona economia si sostengono a vicenda, mentre un welfare compassionevole si accompagna solitamente ad un'economia rapace, lesiva dei diritti, egoista».

Scarica il "Libro nero del welfare italiano" in formato pdf.

Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0