Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Piano Sociale Regionale: pubblica audizione per giovedì 7 gennaio 2010

Pubblicato il 24/12/2009 - Letto 2046 volte
La Terza Commissione Consiliare, presieduta da Enzo Ronca, convoca una pubblica audizione per giovedì 7 gennaio 2010 (Perugia, ore 10.00, Sala Partecipazione di Palazzo Cesaroni - Piazza Italia), in merito alla proposta del Secondo Piano Sociale Regionale, predisposto dalla Giunta regionale contestualmente alla Legge sui servizi sociali integrati, approvata recentemente dal Consiglio regionale.

Illustrando i contenuti e le finalità del nuovo Piano sociale, l'assessore regionale alle politiche sociali Damiano Stufara ha ricordato ai membri della terza Commissione che il documento, nato contestualmente alla legge sui servizi integrati, punta a razionalizzare ed uniformare l'attuale offerta dei servizi, anche in ragione della fase di necessario decollo operativo degli Ambiti Territoriali Integrati e delle Zone Sociali che fanno capo ai 12 Distretti sanitari.

Stufara ha spiegato che la Regione, con il Piano, punta a far decollare realmente l'istituto della sussidiarietà, con regole precise per gli accreditamenti e ad intervenire con «azioni di contrasto su temi caldi», come: la popolazione sempre più anziana e le famiglie umbre messe a dura prova dalla crisi di cui «già nel 2007 l'8% era a rischio scivolamento verso la soglia di povertà».

Sul piano finanziario, Stufara ha parlato di sostanziale dimezzamento delle risorse nazionali, «dai 15 milioni trasferiti alla Regione nel 2007 scenderemo a 6,5 nel 2010». In ragione di ciò ha aggiunto Stufara, «l'Umbria ha fatto invece una scelta di priorità assicurando al settore servizi sociali una crescita di risorse: il fondo sociale regionale che nel 2007 era pari a 6,3 milioni di euro nel 2010, potrà disporre 10,6 milioni di euro».

Con atto successivo, approvato alla unanimità, la Terza Commissione, ha i modificato il regolamento per la gestione del Fondo per la non autosufficienza: all'articolo 6, ha aumentato da tre a quattro le fasce di reddito individuale sulle quali calcolare la prevista compartecipazione al costo di servizi quali: l'assistenza domiciliare, quella semiresidenziale o residenziale, o ausili vari. Le fasce modificate sono ora le seguenti:

  • Fino a 7.000 Euro (la persona con disabilità è esente dalla compartecipazione);
  • 7.000-14.000 Euro;
  • 14.000-28.000 Euro;
  • Superiore a 28.000 (la persona con disabilità deve contribuire per intero al costo dei servizi attivati).

Il testo dell'atto amministrativo concernente il "Secondo piano sociale regionale (2010/2012) è consultabile accedendo al sito internet del Consiglio regionale. Dalla home page del Consiglio selezionare la voce "Attività" e poi nell'ordine: "Atti consiliari" - "Mostra gli atti all'esame di Commisione" - "Commissione III - Sanità e servizi sociali" ed in fine la scheda relativa al Piano sociale regionale, dalla scheda sarà possibile accedere al testo e sarà possibile inviare osservazioni in merito all'atto stesso.

Per ulteriori informazioni vedi anche il focus

Salta contenuti del pié di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0