Ricerca avanzata
Men
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Aggiornamenti sul tema dell'Integrazione Scolastica

Pubblicato il 24/04/2008 - Letto 2415 volte
Segnaliamo due articoli che sollecitano interessanti riflessioni sul tema dell'integrazione scolastica e della delicata questione del sostegno.

L'ordinanza n.1112 del 7 aprile 2008 del TAR della Campania introduce il criterio secondo cui i posti di sostegno devono rispettare "le effettive esigenze" dei singoli alunni, in ottemperanza del diritto costituzionale all'integrazione scolastica, rigettando, di fatto,  il criterio secondo cui i posti di sostegno siano fissati attraverso parametri astratti ("nel numero di uno ogni 138 alunni frequentanti con deroghe previste solo in presenza di certificazione di handicap in situazione di gravit") .
L'articolo di Salvatore Nocera, vicepresidente nazionale della FISH, Le ore di sostegno vanno assegnate secondo le effettive esigenze ci sottopone un'interessante riflessione: se infatti non pu che considerarsi positivamente tale decisione del TAR, si intravede in essa il riflesso della tendenza ad una interpretazione, sempre pi riduttiva nel tempo, delle risorse previste dalla legge per soddisfare i bisogni educativi speciali. Il rischio quello di identificare le "effettive esigenze" delle persone con disabilit "esclusivamente" con quelle da soddisfarsi con le ore di sostegno dimenticando che, oltre agli "insegnanti specializzati", sono previste le "equipe medico-psicopedagogiche ed altre forme di sostegno fornite dallo Stato e dagli enti locali secondo le rispettive competenze" e soprattutto, come principale risorsa dell'integrazione, la "presa in carico da parte degli insegnanti curricolari".
Il secondo articolo, riguarda una ricerca condotta da M.E. De Caroli, E. Sagone, R. Falanga della Facolt di Scienze della Formazione dell'Universit di Catania dal titolo S professionale e atteggiamenti sociali verso la disabilit negli insegnanti di sostegno della scuola dell'infanzia, primaria e media inferiore, pubblicato su Giornale Italiano delle Disabilit, anno VII, n. 3 - dicembre 2007, pp.15/26 (consultabile presso il Centro di Documentazione sulla Disabilit). Da questo lavoro emerge, da parte degli insegnanti di sostegno, un "dichiarato" atteggiamento positivo, empatico, nei confronti della disabilit e degli obbiettivi raggiungibili con l'integrazione scolastica e sociale, in contraddizione con un "rappresentato" da cui emerge una sentire meno positivo nella relazione tra il s professionale e gli alunni con disabilit. Ci che emerge come particolarmente critico sembra riguardare il sentimento di soddisfazione professionale, elemento che pu condizionare negativamente sia la qualit dell'impegno professionale, sia le reazioni emotive ad esso rivolte. Secondo le autrici appaiono necessarie ulteriori analisi delle dimensioni psicologiche degli insegnanti, ma, anche, attivit di monitoraggio della qualit dei percorsi formativi che influiscono sulla costuzione dell'identit professionale.

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0