Ricerca avanzata
Men
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Chiusura del progetto Welfare 4.0: Per un Welfare comunitario di inclusione

Pubblicato il 6/09/2023 - Letto 52 volte
Il 6 settembre 2023 rappresenta una data significativa per il Terzo Settore italiano, poich segna un passo fondamentale con la presentazione dei risultati del progetto "Welfare 4.0 - Per un Welfare Comunitario di Inclusione". Questo progetto ambizioso, sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, stato ideato per affrontare le sfide del sistema di welfare italiano, ponendo al centro dell'attenzione l'inclusione e l'empowerment delle persone con disabilit. Promosso dalla Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap (FISH) in collaborazione con partner e associazioni del Terzo Settore
Il 6 settembre 2023 segna un importante passo avanti nel campo del Terzo Settore italiano con la presentazione dei risultati del progetto "Welfare 4.0 - Per un Welfare Comunitario di Inclusione". Questo ambizioso progetto nazionale, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, stato concepito per affrontare le criticit del sistema di welfare italiano, mettendo al centro l'inclusione e l'empowerment delle persone con disabilit. Il progetto stato promosso dalla Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap (FISH) in collaborazione con partner e associazioni del Terzo Settore.

L'8 novembre 2020, il progetto Welfare 4.0 stato avviato sotto il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che lo ha riconosciuto come di rilevanza nazionale all'interno del Terzo Settore. La sua nascita stata motivata dall'emergenza coronavirus, che ha evidenziato le fragilit del sistema di presa in carico delle persone con disabilit. Troppo spesso, i servizi non sono riusciti a garantire un'autentica inclusione, impedendo l'esercizio della piena cittadinanza da parte degli individui con disabilit. In risposta a questa sfida, la FISH ha sviluppato il progetto "Welfare 4.0" per definire un nuovo modello di welfare comunitario basato sull'inclusione e l'empowerment delle persone con disabilit.

Obiettivi del Progetto:

Il progetto Welfare 4.0 coinvolge tutte e 20 le regioni italiane, con una sperimentazione specifica in quattro di esse: Campania, Calabria, Veneto e Umbria. Le attivit chiave del progetto includono:
    Coordinamento Scientifico e Organizzativo: Creazione di un Comitato Scientifico composto da esperti per definire il piano concettuale del progetto e i contenuti formativi. Un Gruppo di Lavoro Territoriale coinvolge rappresentanti delle Federazioni regionali per attivare la partecipazione a livello regionale.

    Formazione: Un approccio formativo completo che include corsi online (MOOC), webinar e seminari regionali. Gli argomenti coprono la definizione di un welfare comunitario d'inclusione, la legislazione, le metodologie e gli strumenti tecnici.

    Ricerca: Questa attivit comprende un'analisi delle strutture socio-assistenziali italiane, la raccolta di pratiche alternative alle residenze e la stesura di un report finale di ricerca.

    Manuale: Viene sviluppato un manuale che traccia la traiettoria per garantire i diritti umani delle persone con disabilit attraverso approcci e strumenti tecnici e culturali.

    Sperimentazione: In quattro regioni italiane, il nuovo modello di welfare comunitario viene sperimentato per valutare l'efficacia e l'impatto.

    Promozione e Conferenza Finale: Una serie di eventi pubblici e una conferenza finale per presentare i risultati del progetto e promuovere una nuova cultura dell'inclusione.

    Valutazione di Impatto:Una valutazione completa sui beneficiari dei progetti personalizzati, sugli operatori coinvolti e sui costi del progetto.


L'evento denominato "I Sorrisi non Bastano," che si svolto l'8 luglio 2022 con la Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap (FISH) come capofila, sia in presenza a Perugia che in modalit a distanza stata l'occasione per dare avvio al lavoro in Umbria sul progetto Welfare 4.0. Composto da due laboratori tecnici al mattino e da un seminario pubblico nel pomeriggio, focalizzati sulle politiche nazionali e locali e sulla comunicazione nell'ambito del welfare. L'evento ha fornito gli strumenti necessari per affrontare questi cambiamenti, promuovendo scelte appropriate nella progettazione delle politiche e degli interventi finalizzati a garantire i diritti delle persone con disabilit, sia in termini di politiche sulla disabilit che di comunicazione.Il programma dell'evento includeva tre sessioni:

Promuovere il Cambiamento: Discussione sulle politiche regionali con la partecipazione di rappresentanti dell'AVI Umbria, della FISH, dell'Osservatorio Regionale sulla Disabilit dell'Umbria, dell'ANCI Umbria e della Regione Umbria.

Comunicare le Politiche sulla Disabilit: Esplorazione delle sfide nella comunicazione delle politiche sulla disabilit con la partecipazione di DPI Italia, dell'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria e di redattori di "Superando.it."

Politiche sulla Disabilit e Partecipazione: Discussione sulla partecipazione come diritto da garantire con rappresentanti della Regione Umbria, della FISH Umbria, dell'ANCI Umbria e dell'Osservatorio Regionale Umbro sulla Condizione delle Persone con Disabilit.

Questi sforzi riflettono l'impegno nell'ottica di migliorare la qualit della vita delle persone con disabilit, promuovendo una maggiore inclusione sociale e garantendo il pieno rispetto dei loro diritti umani.

L'evento di chiusura del progetto, "Per un Welfare Comunitario di Inclusione," ha avuto luogo il 6 settembre 2023. Durante questa occasione sono state presentate azioni e strumenti innovativi per un welfare basato sull'inclusione e il riconoscimento dei diritti delle persone con disabilit. Il progetto si concentra anche sulla sensibilizzazione dei comunicatori e giornalisti per una rappresentazione pi accurata e inclusiva delle persone con disabilit nei media.

Parallelamente, la Regione Umbria sta adottando un approccio innovativo verso il welfare attraverso il Piano Regionale Integrato per la Non Autosufficienza (PRINA) 2022-2024. Questo piano si basa sui Livelli Essenziali delle Prestazioni Sociali (LEPS) per non autosufficienza e disabilit, enfatizzando il passaggio da un Welfare di protezione a uno basato sui diritti. Il PRINA prevede la realizzazione di 100 progetti personalizzati e partecipati, coinvolgendo servizi, comunit e Agenzie di Vita Indipendente.

Le Agenzie di Vita Indipendente e le associazioni presenti nel territorio rivestono un ruolo cruciale nel collegare le persone con disabilit, le loro famiglie e i servizi sul territorio, facilitando l'accesso e la fruizione di servizi e informazioni necessari per garantire la parit di opportunit e la piena partecipazione delle persone con disabilit.

Fish Umbria sta attivamente promuovendo la partecipazione delle persone con disabilit e delle loro famiglie nel nuovo PRINA. Invitano coloro che sono interessati a candidarsi per la realizzazione di un progetto personalizzato e partecipato a prendere contatto con le associazioni di riferimento e il Centro per l'Autonomia Umbro per ricevere informazioni e supporto.

La IV Commissione consiliare Cultura ha anche sottolineato l'importanza di creare spazi di partecipazione e dialogo strutturati con le persone con disabilit e le loro associazioni, promuovendo una comunicazione realmente accessibile e inclusiva.

In questo momento storico, essenziale definire un nuovo modello di welfare comunitario basato sull'inclusione per garantire l'applicazione piena della Convenzione sui diritti delle persone con disabilit delle Nazioni Unite. Il progetto Welfare 4.0 e il cambiamento di paradigma nell'approccio al welfare in Umbria sono segnali positivi in questa direzione, mettendo al centro le esigenze e i diritti delle persone con disabilit e promuovendo una societ pi inclusiva e solidale per tutti.
Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0