Ricerca avanzata
Men
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Testimonianza di Antonio Giuseppe Malafarina. "Marcia della Pace 2021: Giampiero Griffo col suo avatar e io col mio"

Pubblicato il 25/10/2021 - Letto 59 volte
Antonio Giuseppe Malafarina, giornalista e scrittore, una delle principali "firme" del blog InVisibili del Corriere della Sera. "Non sono mai stato invisibile. Da piccolo ero cicciottello e non vedermi era impossibile. A diciassette anni circa, sono del 1970, ho perso venti chili, ho messo cravatta e camicia e ho iniziato a testimoniare quanto sia importante capire, dunque ascoltare e comunicare. Nel 1988 un tuffo in mare e divento tetraplegico", cos si descrive sul blog InVisibili. Riproponiamo di seguito il suo articolo "Marcia della Pace 2021: Giampiero Griffo col suo avatar e io col mio" pubblicato il 23 ottobre 2021 sul Corriere della Sera.

Eccomi alla Marcia della pace 2021. Io a Milano, il mio avatar curioso sul piazzale di Santa Maria degli Angeli in Assisi. Ho intervistato Giampiero Griffo, presente col suo avatar. Due chiacchiere con i presenti e ho incrociato un'amica di penna. Intervista per Rai 3 e sensazione immersiva totale. Ma l'avatar per tutti (diciamo per molti), ecco perch ne diffondo la conoscenza. Si pu lavorare, visitare e studiare a distanza.

Torniamo al giorno della marcia con Giampiero Griffo, habitu della manifestazione che quest'anno non poteva esserci. Si presenta: Sin dal 1972 un difensore dei diritti umani delle persone con disabilit a livello nazionale ed internazionale. Dal 2019 coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilit. Sono parole modeste di uno dei pi autorevoli personaggi della disabilit. Non Mario Draghi, ma poco ci manca.

Il dottor Griffo era alla marcia dalla sua Trentola Ducenta, in provincia di Caserta, grazie all'avatar. Raccontare come l'abbia avuto mostra che non c' avatar senza intervento umano.

Andrea Tonucci, presidente dell'Associazione Vita Indipendente (Avi) Umbria (che aderente alla Federazione italiana per il superamento dell'handicap Umbria), racconta come sia stato naturale ma sorprendentemente stimolante costruire un intreccio virtuoso di concomitanze e reazioni a catena fra Centro servizi volontariato (Cesvol) Umbria e Associazione nazionale centri di servizio per il volontariato (csv.net).

Una sinergia necessaria per sostenere presso gli organizzatori della Marcia la partecipazione dei giovani con disabilit con un avatar robotico. Il tema della marcia, continua Andrea, era I Care, mi prendo cura, eAvi ha ritenuto importante impegnarsi per fare dell'avatar un'opportunit per l'indipendenza.

Andrea convinto che i facilitatori, cio gli strumenti che migliorano il rapporto persona con proprie condizioni di salute-ambiente, implementino la partecipazione dei disabili nella vita sociale. Racconta che ha contattato attraverso il Centro servizi volontariato Sebastian Vadal, titolare della Genius robotic, l'azienda che tratta l'avatar, per verificare la fattibilit dell'avatar alla marcia. Intanto il dottor Griffo si era reso indisponibile a partecipare alla Marcia e cos si pensato di affidargli un altro avatar. Uno per la persona in marcia e l'altro per Giampiero Griffo.

Ma dove trovare due avatar in un colpo solo? Dall'istituto tecnico superiore Enzo Ferrari di Susa, che li ha forniti in comodato d'uso e li usa dal gennaio 2021 per l'inclusione dei propri studenti.

Il resoconto di questi passaggi per far capire che l'avatar non si sposta da solo. E che i rapporti umani sono necessari per far attecchire la tecnologia.

E che centro io? Mi ha contattato Sebastian per chiedermi se volessi partecipare. Ho accettato senza tentennamenti per una testimonianza ulteriormente inclusiva, visto che conduco l'avatar col software per pilotarlo anche da chi completamente paralizzato. Made in Siena, si chiama Braincontrol e lo produce la LiquidWeb. E via: ho preso possesso di uno degli avatar per intervistare l'altro, condotto dal Griffo.Quel giorno un giornalista ha intervistato un personaggio, entrambi con un avatar. Lombardia e Campania in campo aperto in Umbria. Giornalista e intervistato presenti a distanza. Un bel segnale di manifestazione di s alternativa.

Giampiero racconta:Da molti anni partecipo alla marcia Perugia, ma quest'anno non potevo esserci. Farlo attraverso un avatar robotico stata un'esperienza nuova ed emozionante. Muoversi per mezzo dei comandi del robot, parlare a 400 km di distanza con gli amici sentendosi in presenza, parlare dal palco della Rocca alle migliaia di partecipanti stato straordinario. Ormai gli esseri umani non dipendono pi dai limiti del corpo, fondamentale per le persone con disabilit.

Intervista conclusa parlando di inclusione e autodeterminazione, Giampiero si sganciato per riapparire pi tardi sul palco e intanto cedere l'avatar a Guglielmo Mezzanotte, capace studente di informatica all'universit di Perugia.

@antoniogiuseppemalafarina

Fonte: www.invisibilie.corriere.it

Salta contenuti del pi� di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit� agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit� agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit� agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0