Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Risposta del Ministero della salute alle numerose sollecitazioni della Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap (FISH) in tema di vaccini per le persone con disabilitÓ

Pubblicato il 8/03/2021 - Letto 397 volte
Da dicembre la Federazione si sta rivolgendo, al Ministero della Salute per richiedere con urgenza un confronto che potesse riguardare le scelte politiche e le misure da adottare nell'erogazione dei vaccini stante la ricaduta significativa sulle persone con disabilitÓ e sulle loro famiglie in questo difficile momento.

La mancanza di una informazione univoca e di un accesso prioritario ai percorsi di vaccinazione sta gettando in confusione ed agitazione milioni di persone con disabilitÓ e delle loro famiglie, i loro assistenti personali e le persone che lavorano nei servizi relativi alla disabilitÓ.

In questi ultimi giorni, la Federazione ha ricevuto segnalazioni sempre pi¨ allarmanti, pertanto abbiamo ritenuto doveroso rivolgere il nostro appello anche al Presidente della Repubblica, quale supremo garante dei principi della Costituzione, affinchÚ si possa ribadire che le persone con disabilitÓ, ognuna con le proprie specifiche patologie, soprattutto coloro che sono stati riconosciuti con gravitÓ ai sensi dell'art. 3 comma 3 della Legge 104/92, sono tutte vulnerabili. <7p>

Oggi, dopo una lunga attesa Ŕ arrivata la risposta del Ministero della Salute firmata dal Capo di Gabinetto Goffredo Zaccardi. Di seguito pubblichiamo il testo della risposta.

"Con riferimento alla nota del 19 gennaio 2021, con la quale si sono chiesti chiarimenti rispetto alla tempistica di somministrazione del vaccino anti-SARS- CoV-2, mi pregio precisare che, una volta completata la vaccinazione del personale sanitario, del personale operante e degli ospiti nelle strutture residenziali assistite e delle persone con etÓ superiore agli 80 anni, nell'ottica di rispetto di principi di equitÓ e di protezione della fragilitÓ, si procederÓ a dare prioritÓ ad alcune categorie di cittadini affetti da specifiche patologie valutate come particolarmente critiche.

Fra di esse rientrano certamente i soggetti affetti da trisomia 21 costituzionale (Sindrome di Down, in ragione della loro parziale competenza immunologica e della assai frequente presenza di cardiopatie congenite sono da ritenersi fragili) e i soggetti affetti da disabilitÓ fisica, sensoriale, intellettiva, psichica corrispondenti ai portatori di handicap gravi ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Nello specifico, si ricorda che il comma precedentemente menzionato recita testualmente: "Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l'autonomia personale, correlata all'etÓ, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravitÓ. Le situazioni riconosciute di gravitÓ determinano prioritÓ nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici".Si rimane a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento o necessitÓ."

Vedi documento (formato pdf.) qui.

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0