Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Comunicato FISH. LEA: difficile emendare l'inemendabile

Pubblicato il 21/12/2016 - Letto 1525 volte
(15 dicembre 2016) Le Commissioni Parlamentari hanno formulato i loro Pareri sullo schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri riguardante la definizione e l'aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza che torna ora al Ministero. Anche con gli emendamenti proposti dalle Commissioni il testo rimane fondamentalmente insoddisfacente: l'impianto e la logica del Decreto non considerano compiutamente i princýpi espressi dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilitÓ e permane l'esclusione del movimento delle persone con disabilitÓ dal monitoraggio e dall'aggiornamento successivo degli stessi LEA.

Le Commissioni SanitÓ del Senato e Affari Sociali della Camera hanno infine formulato i loro Pareri sullo schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri riguardante la definizione e l'aggiornamento dei LEA Sanitari (Livelli Essenziali di Assistenza).

La palla torna quindi al Ministero della Salute e al Governo per la definizione del testo finale che potrÓ o meno accogliere i citati pareri delle Commissioni Parlamentari.

"Pur apprezzando lo sforzo delle Commissioni di emendare il testo - Ŕ il primo commento a caldo del presidente della FISH Vincenzo Falabella - questo rimane inemendabile, come avevamo giÓ sottolineato anche in audizione."

Nonostante le proposte di assestamento, infatti, relative in particolare ad alcuni aspetti dell'assistenza protesica, comunque minime ed insufficienti, per la FISH il testo rimane largamente insoddisfacente. Dalla sua redazione FISH e le organizzazioni delle persone con disabilitÓ erano state escluse.

Come FISH ha giÓ affermato in sede di audizione e all'interno di precedenti comunicati, l'impianto e la logica del Decreto non considerano compiutamente i princýpi espressi dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilitÓ, e segnatamente dagli articoli 25 (Salute) e 26 (Abilitazione e riabilitazione) della stessa.

"Alcuni tentativi di adeguamento semantico - dichiara a tal proposito Falabella - appaiono giustapposti in un testo che rimane fondamentalmente incoerente. Largamente ignorate, inoltre, sono state le considerazioni espresse dalla FISH concernenti l'assistenza sociosanitaria domiciliare e semiresidenziale. A questo si aggiunga ancora che il Parere reitera l'esclusione del movimento delle persone con disabilitÓ dal monitoraggio e dall'aggiornamento successivo degli stessi LEA".

"Da ultimo, ma non ultimo - conclude il Presidente della FISH - i Pareri confermano una evidente preoccupazione circa la copertura finanziaria del provvedimento, facendo pensare ad una parziale applicazione e presumibilmente ancora una volta disuguale nelle varie zone del Paese."

15 dicembre 2016


FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap
www.fishonlus.it (link a sito esterno)
www.facebook.com/fishonlus (link a sito esterno)


Segui il Centro per l'Autonomia Umbro anche sui social network!

Facebook

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0