Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti
Sei in: Homepage » News »

Terni. ╚ scoppiato il źcaso╗ parcheggi riservati

Pubblicato il 22/10/2015 - Letto 1828 volte
Dopo la denuncia pubblicata su un quotidiano locale effettuata dal giudice Maurizio Santoloci, diverse sono state le reazioni anche da parte delle Associazioni delle persone con disabilitÓ e loro familiari. La FISH Umbria ONLUS rinnova l'invito ad affrontare le questioni con delle proposte coerenti e realizzabili all'interno di un quadro che permetta l'esigibilitÓ del diritto all'accessibilitÓ e alla mobilitÓ delle persone con disabilitÓ.

In queste pagine non pu˛ mancare un commento sulla questione che sta riempiendo i quotidiani di Terni in questi giorni: la denuncia del giudice Maurizio Santoloci che, nei giorni scorsi, ha pubblicato un lungo articolo in merito all'abuso del contrassegno per la sosta e la fermata delle auto in cui Ŕ presente una persona con disabilitÓ all'interno degli appositi parcheggi: secondo l'analisi effettuata da Santoloci, la maggior parte delle volte il contrassegno sarebbe adoperato senza che il titolare sia presente, oppure sarebbe un modo per poter parcheggiare in punti dove sarebbe vietato, oltrechÚ pericoloso.

La questione, in veritÓ, non Ŕ nuova e le associazioni che promuovono e tutelano i diritti delle persone con disabilitÓ sono anni che lottano contro questo fenomeno di inciviltÓ. In particolare, i problemi maggiori che tale inciviltÓ automobilistica comporta sono sostanzialmente due:

  • occupazione abusiva del parcheggi riservati per le persone con disabilitÓ;
  • occupazione con l'auto di parte o di tutto lo spazio dedicato agli scivoli sui marciapiedi (generalmente collocati in prossimitÓ di un attraversamento pedonale) che permettono l'accesso alle persone in carrozzina e a tutti e tutte coloro che necessitano di una rampa per evitare il gradino del marciapiede.

Se si pensa che questi abusi limitano la partecipazione ai contesti di vita delle persone con disabilitÓ, non si pu˛ che appoggiare qualsiasi iniziativa che elimini a monte e radicalmente questo problema. Intervistato da Il Messaggero lo scorso 12 ottobre, Andrea Tonucci - vice presidente della FISH Umbria ONLUS (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap) - riconosce che la segnalazione di atti di inciviltÓ da una persona autorevole come il giudice Santoloci sia una risorsa importante per contribuire al perseguimento dei diritti delle persone con disabilitÓ, ma allo stesso tempo evidenzia come le proposte per evitare che questi episodi avvengano, debbano essere inquadrate all'interno di un quadro di interventi che abbia una coerenza complessiva nell'ambito del diritto alla mobilitÓ e all'accessibilitÓ delle persone con disabilitÓ.

╚ da ricordare, infine, che, come riporta un articolo pubblicato il 16 ottobre su La Nazione, dall'inizio del 2015 sono circa 210 le contravvenzioni che sono state fatte ai danni di coloro che hanno abusato del permesso o hanno parcheggiato impunemente in posti riservati. Una cifra che rappresenta circa il 12% delle infrazioni generali effettuate.

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0