Ricerca avanzata
Menù
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

Collocamento mirato: incontro tra il Centro per l'impiego di Terni, la FISH Umbria e la FAND

Pubblicato il 1/12/2010 - Letto 1730 volte
Si è tenuto mercoledì 24 novembre 2010 un incontro presso il Centro per l'impiego di Terni per discutere dello stato di attuazione della Legge n. 68/99 e di proposte volte a migliorare il sistema del collocamento mirato per le persone con disabilità. Presenti all'incontro gli Assessori Bigerna e Paparelli e la FISH Umbria e la FAND.

Migliorare il sistema di comunicazione e stipulare un Accordo quadro per incentivare le assunzioni, queste sono le principali proposte emerse nel corso della riunione tenutasi mercoledì 24 al Centro per l'impiego di Terni.

L'incontro promosso dall'Assessore provinciale alla Politiche formative, Fabio Paparelli, e dall'Assessore alle Politiche Sociali, Marcello Bigerna, ha visto partecipare i rappresentanti delle due Federazioni di associazioni di persone con disabilità: Pier Alessandro Samueli per la FAND e Andrea Tonucci per la FISH.

Da quanto è emerso nel corso della riunione, le persone in lista per il collocamento mirato sono oltre duemila, da qui - ha affermato Paparelli - deriva la necessità di ottimizzare il sistema di adesione alle aste pubbliche, attuare una campagna di informazione sulle procedure per gli avviamenti e, allo stesso tempo, effettuare una verifica di coloro che sono realmente interessati ad un'assunzione.

Per facilitare la candidatura degli aspiranti lavoratori, l'ipotesi è quella di creare dei sistemi telematici che permettano a tutte le persone, anche al proprio domicilio, di assistere alla procedura con cui vengono effettuate le chiamate agli avviamenti.

A tal proposito, Samueli, ha sottolineato l'importanza di garantire l'accessibilità di questi servizi anche alle persone con disabilità sensoriali.

Interessante, inoltre, è la proposta di stipulare un Accordo quadro tra la Provincia e le Associazioni datoriali, sindacali e di persone con disabilità, l'INPS e la Direzione Provinciale del Lavoro; in merito ai contenuti dell'Accordo si rileva la creazione di:

  • un sistema di premi per le aziende che avvieranno al lavoro gli iscritti agli elenchi previsti dalla legge n. 68/99;
  • un osservatorio attraverso il quale le associazioni di persone con disabilità si impegnano a monitorare l'applicazione sul territorio della Legge n. 68/99;
  • strumenti formativi funzionali al primo inserimento in azienda;

In merito all'ultimo punto, Tonucci ha ribadito la necessità, in linea con quanto sancito dalla Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità, di ricollegare il diritto al lavoro (art. 27) al diritto all'abilitazione (art. 26); infatti sono due aspetti fortemente interconnessi tra loro in quanto è fondamentale che la persona con disabilità, all'interno di un progetto individuale (ex art.14 L.328/2000), effettui un percorso abilitativo mirato a sviluppare le capacità funzionali alle attività lavorative.

Salta contenuti del pié di pagina - M.O.S.A.I.C. cooperativa sociale - P.IVA: 01251410559 - Via Giovanni XXIII, 25 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 274659 - Fax: +39 0744 274659 - Email: web@cpaonline.it - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformità agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformità agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformità agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0