Ricerca avanzata
Men¨
Rete associativa
Personalizza il sito





Salta contenuti

La rivoluzione del Piano Regolatore del Welfare

Pubblicato il 26/06/2010 - Letto 2805 volte
Il progetto per il Piano Regolatore del Welfare per il Comune di Terni approderÓ alla fase partecipativa il 30 giugno a Palazzo Spada. Alla base delle politiche socio-sanitarie Ŕ previsto, finalmente, il "Progetto Individuale".

Il cambiamento presupposto dal Piano Regolatore del Welfare - che verrÓ condiviso con la cittadinanza e le parti sociali in autunno- punta sul superamento dell'approccio assistenzialistico finora attuato, e la volontÓ da parte politica Ŕ orientata in tal senso.

Il Piano Regolatore del Welfare rappresenta un quadro politico di interventi che l'Amministrazione comunale intende garantire per il rispetto dei diritti dei cittadini, al fine di realizzare una comunitÓ che produca sviluppo e che sia, al contempo, inclusiva.

La formulazione del Piano Regolatore del Welfare rappresenta il risultato di un costante e trasparente confronto con coloro che sono titolari dei diritti, di cui l'Amministrazione comunale si fa garante.

Una mappatura dei bisogni dei cittadini precederÓ il lavoro dei laboratori tematici, che nei prossimi mesi elaboreranno e approfondiranno idee e proposte, con l'obiettivo di rendere il nuovo regolamento operativo a partire dal 2011.

Il Piano Regolatore del Welfare prevede, nello specifico, cinque macro-aree di intervento: minori, politiche abitative, immigrazione, integrazione socio-sanitaria, cittÓ accessibile.

Per quanto riguarda il capitolo delle politiche socio-sanitarie, verrÓ posto alla base il "Progetto Individuale" (previsto dall'articolo 14 della Legge 328/2000), ossia una definizione organica degli interventi che la rete dei servizi - a livello assistenziale, riabilitativo, scolastico e lavorativo - deve garantire alle persone con disabilitÓ per il raggiungimento del loro progetto di vita. In questo senso Ŕ prioritaria la collaborazione con la ASL (di cui diventa superfluo - a detta dell'Assessore - la ripresa delle deleghe date dal Comune) e la condivisione del nuovo approccio ai Progetti Individuali delle persone prese in carico. 

Parlando di "cittÓ accessibile", l'Assessore sostiene che ci sia źla necessitÓ di mettere a rete assessorati e direzioni sui temi che abbiano al centro la persona. Ogni politica pubblica, dall'urbanistica ai parcheggi, dalla mobilitÓ ai tempi della cittÓ, ha un risvolto sociale e non si pu˛ pi¨ ragionare per compartimenti stagni╗.

Il Piano Regolatore del Welfare, dunque, ha lo scopo di mettere a sistema gli interventi che producono un impatto sociale sui cittadini, sulla base della condivisione di obiettivi e sulla base di un coordinamento delle azioni da intraprendere.

In questo senso, c'Ŕ continuitÓ con il coordinamento delle attivitÓ delle direzioni comunali per fornire risposte pi¨ efficaci alle esigenze delle persone con disabilitÓ che Ŕ stato previsto dallo stesso Assessore Bucari e ha avuto l'approvazione da parte della Giunta comunale lo scorso 23 dicembre.

Il coordinamento, infatti, Ŕ un organismo interdirezionale, affidato al Direttore Generale del Comune di Terni, con il compito di individuare, giÓ nelle attivitÓ di programmazione delle singole direzioni, le risposte pi¨ appropriate per quanto riguarda l'accesso ai servizi, l'abbattimento delle barriere architettoniche, la realizzazione di apposite strutture. In questa attivitÓ di programmazione, Ŕ previsto che il Comune di Terni abbia il supporto del Centro per l'Autonomia Umbro.

Salta contenuti del pi´┐Ż di pagina - A.V.I. Umbria Onlus - C.F.: 01201600556 - Via Papa Benedetto III, 48 - 05100 Terni
Tel: +39 0744 1950849 - Email: cpa.umbro@aviumbria.org - Leggi la Privacy Policy - Powerd by: mediaforce.it
Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per i fogli di stile Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C per il codice HTML 4.0 Transitional Logo di conformit´┐Ż agli standard W3C Livello AA, WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0