Comunicato stampa della FISH Umbria ONLUS e FAND Umbria ONLUS

a cura di Pierangelo Cenci

Pubblichiamo il Comunicato Stampa della FISH Umbria ONLUS (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap) e della FAND Umbria ONLUS (Federazione tra le Associazioni Nazionali Disabili) in merito all'approvazione dei due atti di indirizzo: quello del Movimento 5 Stelle, avente per oggetto "Assistenza socio-sanitaria indiretta" e quello del Partito Democratico - e firmato anche da Angelica Trenta di M5S -, avente per oggetto "Garantire e promuovere il Diritto alla Vita Indipendente delle persone con disabilitÓ".

A seguito della seduta di Giovedý 13 novembre pomeriggio del Consiglio Comunale del Comune di Terni, la FISH Umbria ONLUS (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap) e la FAND Umbria ONLUS (Federazione tra le Associazioni Nazionali di Disabili) esprimono grande soddisfazione per l'approvazione di due atti di indirizzo: quello presentato il 29 agosto 2014 dal Movimento 5 Stelle (M5S), avente per oggetto "Assistenza socio-sanitaria indiretta" (prot. n. 120674) e quello presentato il 21 ottobre 2014 da alcuni Consiglieri del Partito Democratico (PD) - e firmato anche dalla Consigliera Angelica Trenta di M5S -, avente per oggetto "Garantire e promuovere il Diritto alla Vita Indipendente delle persone con disabilitÓ" (prot. n. 147743).

L'approvazione di entrambi gli atti - cui si Ŕ arrivati dopo una lunga seduta - ha permesso alle Consigliere ed ai Consiglieri di tutti gli schieramenti presenti di approfondire i temi legati alla Vita Indipendente e ai molteplici aspetti che essa comporta per le persone con disabilitÓ. La discussione consiliare, che ha affrontato anche specificazioni tecniche sulle differenze esistenti nell'approccio tra i due atti presentati da PD e M5S, ha comunque dimostrato quanto sia consolidata la condivisione del principio fondamentale che sta alla base della Vita Indipendente, ossia la libertÓ di scelta.

L'approvazione degli atti - sebbene abbiano visto una diversa reazione di voto da parte dei Consiglieri e delle Consigliere dei vari partiti al momento dell'approvazione dell'uno o dell'altro - Ŕ stato un successo per tutti: le associazioni di persone con disabilitÓ aderenti alla FISH Umbria ONLUS e FAND Umbria ONLUS, infatti, sono pi¨ di otto anni che chiedono formalmente a tutti i diversi schieramenti politici che questo importante riconoscimento di diritto e libertÓ venga sancito da un formale atto di Palazzo Spada.

L'approvazione di entrambi gli atti Ŕ altresý la dimostrazione di quanto questa cittÓ sia oggi pronta ad essere un vero e proprio laboratorio regionale di innovazione nel campo dei servizi alla persona, con specifico riferimento per quelli che sono rivolti alla vita indipendente delle persone con disabilitÓ.

La vittoria di Giovedý - che si auspica serva da volÓno per una normativa di settore a livello regionale - si configura come un importante precedente in materia, che segna un confine ben preciso tra un "prima" e un "dopo" rispetto alle volontÓ politiche e alle capacitÓ amministrative di favorire la Vita Indipendente alle persone con disabilitÓ.

Oltretutto il Comune di Terni, in continuitÓ con il bando ministeriale del 2013 che vedrÓ la sperimentazione di progetti per la vita indipendente, si pone giÓ nell'ottica auspicata dallo stesso Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. In questo senso, tuttavia, le due Federazioni auspicano che, anche dai piani alti di Palazzo del Broletto a Perugia, ci sia un'altrettanta radicata e diffusa attenzione nel garantire e sostenere il diritto alla Vita Indipendente delle persone con disabilitÓ. Le due Federazioni - oggi pi¨ che mai, in un momento di crisi economica che richiede l'innovazione del sistema di Welfare - sono pronte a contrastare con forza ogni tentazione di riportare la nostra regione a politiche ed interventi ispirati esclusivamente ad un "modello medico" della disabilitÓ e ad un sistema dei servizi la cui źsensibilitÓ ha radici antiche╗, ma che - forse anche per questa ragione - dimentica che le persone con disabilitÓ si aspettano di veder riconosciuti i propri diritti fondamentali, a partire da quello della Vita Indipendente che comporta, tra gli altri, anche la libertÓ di scelta in merito alla propria assistenza.
 
Per la FISH Umbria ONLUS     
Andrea Tonucci 

Per la FAND Umbria ONLUS
Maria Rosaria Pagano


Data: 21/11/2014
Sezione: News » Archivio per data » Novembre 2014
L'indirizzo di questa scheda Ŕ: http://www.cpaonline.it/web/news/data.php?n_id=1248